ALBA – «Un esempio di buona sanità le cure che ho ricevuto a Torino»

    109
    L'ospedale. Che ringrazia il nostro lettore

    Nei giorni scorsi ho dovuto affrontare un intervento chirurgico reso necessario dalla necessità di risolvere una situazione diversamente non risolvibile. L’ho fatto, lo confesso, in condizioni non facili: era la prima volta che la mia salute era compromessa in modo significativo, avevo incrociato medici e ospedali solo e per fortuna senza troppe preoccupazioni e ho scoperto quali e quante difficoltà e spese, lo dico anche da militante politico, si trova di fronte chi debutta nel mondo degli accertamenti, degli esami, delle liste d’attesa, dei dubbi che assalgono – fatalmente – chi perde l’incrollabile certezza di essere sempre giovane e forte.

    Ritengo quindi giusto e doveroso ringraziare pubblicamente chi mi ha consentito di affrontare al meglio e risolvere bene una situazione che mi messo in grande difficoltà.

    Al dottor Marco Cesare Scoffone, alla sua equipe urologica e a tutto il personale, gentile e premuroso  dell’ospedale “Cottolengo” di Torino, va quindi la gratitudine mia, di mia moglie Silvia e della mia famiglia insieme con il ringraziamento per la professionalità messa a mia disposizione durante l’intervento e la degenza.

    Ivano Martinetti,

    Alba