ALBAAttualità

Le ricette segrete di nonna Maria: Da 35 anni nella cucina dell’osteria di Ricca

«Quando preparo la salsa rossa per la lingua faccio uscire tutti dalla cucina. È una ricetta di mia nonna, lei l’ha tramandata a mia madre e io farò lo stesso con mia figlia». È ciò che ama ripetere la signora Maria, 81 anni compiuti da pochi giorni, che da 35 anni porta avanti con passione il bar osteria la Piazza a Ricca d’Alba. «Ho cominciato a quattordici anni come cameriera, facevo “la stagione” a Sampeyre, in valle Maira. Ma la mia passione era la cucina, cercavo di carpire i segreti dei cuochi con cui lavoravo per imparare il mestiere». Mingherlina, occhi vispi e quel sorriso timido e trattenuto delle donne di una volta, Maria Cavallo non vuole saperne di andare in pensione. Coltiva ancora l’orto, porta in tavola le sue verdure perché «So da dove vengono», dice allargando orgogliosamente le braccia. «Anche il mio budino è un segreto: sono venuti dalla Ferrero e mi hanno detto che lo analizzeranno in laboratorio per capirne gli ingredienti. Ma non riusciranno a farlo uguale» afferma divertita. Pasta fatta in casa e tagliata a mano, ricette antiche con qualche rivisitazione condite da tanti sacrifici sono il segreto di nonna Maria, ormai un’istituzione per la gente del paese. Al suo fianco la figlia Cristina e la nuora Rosella: «Siamo una famiglia molto unita, cerchiamo di dare tutti una mano alla mamma, anche se rimane lei la vera anima della cucina» ribadiscono. La signora Maria incarna al meglio quelle donne di Langa di un tempo che, spesso rimaste sole troppo presto, tiravano avanti intere famiglie. Ma la sua eredità non per forza andrà perduta: i suoi segreti, che sono i nostri segreti, continueranno a vivere in chi ha avuto la fortuna di camminare al fianco di donne come lei.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com