BRAAttualità

Le confraternite ritornano in processione in città segnale di normalità che introduce alla Pasqua

Prima i battuti neri con l’Addolorata, poi il Cristo Risorto della SS.Trinità

Tornano le processioni devozionali dell’ultimo periodo di Quaresima e di Pasqua a Bra. Venerdì 8 aprile sfilerà l’arciconfraternita della Misericordia, i battuti neri, per la ricorrenza dell’Addolorata. «Dopo due anni che non siamo usciti causa emergenza Covid – dice la presidente Roberta Comoglio –, riprendiamo la nostra antica tradizione. Apriranno il corteo i bambini e le bambine con i figuranti nei panni della donne che assistettero al Calvario del Signore, la Maddalena, la Veronica e la Madonna. Poi i confratelli guidati dai rettori Alessio Bossolasco, Marina Tibaldi e Paolo Tibaldi con gli ospiti dei battuti bianchi, la comunità ortodossa locale, il clero, le autorità civili e militari e, speriamo, tanti fedeli».

A presiedere sarà il vescovo di Alba mons. Marco Brunetti. Partenza alle ore 20.30 dalla sede dei “neri”, San Giovanni Decollato quasi all’incrocio tra via Vittorio Emanuele II e via Cavour. Rientro nella stessa chiesa a fine percorso per la santa messa in suffragio dei defunti. Anche l’altra e più antica confraternita braidese, quella della SS. Trinità che veste il saio bianco, ha già annunciato la ripresa post-pandemia della sua processione nel giorno della Risurrezione di Gesù. Mentre i neri espongono il gruppo di statue del Mortorio, coi battuti bianchi ci saranno altre pregevoli sculture lignee settecentesche: la Fede, la Beata Vergine e il Cristo che ha vinto la morte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button