More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Le classi seconde di Ceresole d’Alba vincono il concorso “Legalità è cultura”

    spot_img

    CERESOLE D’ALBA – Con il cortometraggio «Bruno Caccia. L’avocat», i ragazzi delle classi Seconde della scuola media di Ceresole d’Alba hanno vinto il concorso «Legalità è Cultura», promosso dall’Assessorato all’istruzione, merito, lavoro, formazione e diritto allo studio della Regione Piemonte e dal Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria con il patrocinio del ministero della Giustizia.

    Venerdì 10 maggio gli studenti, accompagnati dalle professoresse Lucia Palmisano, referente del progetto, e Anna Giordana, Dirigente scolastica dell’Istituto “Arpino” di Sommariva (di cui fa parte la sede di Ceresole), sono stati premiati a Roma presso la Scuola Formazione e Aggiornamento personale del penitenziario “Giovanni Falcone”.

    Il contest è stato ispirato proprio a una frase di Giovanni Falcone – “Possiamo sempre fare qualcosa” – e dedicato alla memoria dell’agente scelto della Polizia penitenziaria Giuseppe Montalto. Ai partecipanti era stato chiesto di realizzare elaborati digitali come fumetti, foto o video sul tema della promozione della legalità. «I nostri alunni hanno preparato un video con la storia di Bruno Caccia – spiega la professoressa Brizio -. Il magistrato ha passato diverse estati nella sua casa di Ceresole, dove molti lo chiamavano semplicemente “l’avocat”, ed è stato un simbolo della lotta alla criminalità, tanto da venire assassinato dalla ‘ndrangheta nel 1983».

    «La cultura della legalità passa anche attraverso progetti di questo tipo – dice la Dirigente Giordana -. Raccontando per immagini la vita di Bruno Caccia, gli alunni hanno conosciuto un grande uomo di Stato e studiato in modo alternativo un pezzo di storia importante della Repubblica, sviluppando nuove competenze».

     

     

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio