ALBA

Le bici “blu” di nuovo nel mirino dei vandali

Ci siamo di nuovo. Con l’arrivo della bella stagione le biciclette a pedalata assistita del servizio “Bus2Bike” sono nuovamente oggetto delle attenzioni da parte di malintenzionati che ne manomettono il lucchetto antifurto, asportano il sistema di geolocalizzazione o “cannibalizzano” i mezzi asportandone parti da riutilizzare o vendere. A conti fatti siamo tornati indietro di un anno: su 320 biciclette ne sono ora utilizzabili poco più della metà. Per fare il punto della situazione e valutare quale tipo di risposta si possa mettere in atto, si è svolto giovedì scorso, 2 maggio, un incontro tra l’assessore albese al Traffico e viabilità Rosanna Martini e i rappresentanti del consorzio “Granda Bus” di Saluzzo che ha investito nel progetto di bike sharing “free floating” (ovvero senza postazioni fisse) immagine e risorse insieme al Comune di Alba e alla Eazymov, l’azienda coreana produttrice dei mezzi. «Purtroppo – esordisce l’assessore – abbiamo dovuto prendere atto della ripresa del fenomeno dei danneggiamenti a questi mezzi. Nel corso dell’incontro di ieri (l’intervista è di venerdì 3 maggio) abbiamo messo a confronto la casistica di Alba con quanto accade nelle altre città che dispongono di un servizio analogo. Non è però consolante scoprire che, in pratica, tutte le città dove esiste il bike sharing convivono con il problema del vandalismo e del danneggiamento delle biciclette». Domenica 12 maggio avremo “Alba in bici”. Sarà l’occasione per parlare di questo argomento? «Certamente sì – riprende Rosanna Martini -. Sarà l’occasione per stigmatizzare un certo tipo di comportamento e annunciare azioni a contrasto del fenomeno. Tra l’altro Bus Company metterà a disposizione dei partecipanti un buon numero di biciclette a pedalata assistita come quelle del “Bus2Bike”». Perché accade questo e cosa si può fare per ridurre o eliminare questi comportamenti? «Sappiamo che gli autori di questi atti sono 10 o 15 giovani e adolescenti. Fatto questo che rende ancora più triste la natura dei fatti. Perché gli autori sanno benissimo che quando forzano il lucchetto smetterà di funzionare la pedalata assistita e la bicicletta perde la sua caratteristica più importante. Sanno benissimo che il loro comportamento è fine a se stesso e negativo per tutta una comunità. Evidentemente o mai nessuno ha spiegato loro le regoli basilari della convivenza tra persone civili, oppure non hanno capito». E’ ancora del parere che la responsabilità di questi fatti è anche della collettività? «Senza dubbio. Le principali agenzie educative, la famiglia e la scuola, sembrano, in molti casi, non essere all’altezza del loro ruolo istituzionale. Per non dire dei testimoni degli atti vandalici che altro non fanno che riprendere con il telefono e postare lamentele sui social. Perché nessuno mette da parte l’ambizione di essere Oliver Stone e interviene per impedire il danneggiamento? Non si più solamente delegare e aspettare che siano altri a occuparsi delle cose. Salvo poi lamentare le conseguenze di un atteggiamento di questo genere».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com