CevaLANGA CEBANALANGHECultura e Spettacoli

“L’arte come finestra sul cielo”: la libertà nelle parole di Ugo Giletta e Stefano Allisiardi

Giovedì 16 settembre 2021, a partire dalle ore 18.30, nel giardino del Museo del Fungo di Ceva (via Giacomo Matteotti, 17), si svolgerà l’incontro “L’arte come finestra sul cielo”, evento che segna il grande ritorno della consolidata tradizione degli “Appuntamenti Azzoaglio” organizzati dal Banco Azzoaglio di Ceva. Moderati da Perla Giannotti, i due pittori Ugo Giletta e Stefano Allisiardi dibatteranno sulla ricerca della libertà attraverso l’arte. Seguirà un aperitivo. Obbligatorio il Green Pass così come la prenotazione che si può effettuare entro martedì 14 settembre inviando una e-mail all’indirizzo comunicazione@azzoaglio.it  o chiamando il numero 0174/7241.

“Con emozione – commenta Erica Azzoaglio, presidente dell’omonimo Banco – saluto il ritorno dei nostri eventi che ormai da molti anni, interrotti solo dalla recente pandemia si pongono come momenti di incontro con la nostra comunità dando voce alle eccellenze del territorio. In un periodo complesso come l’attuale l’arte che ci sarà raccontata dai due pittori Stefano Allisiardi e Ugo Giletta può aiutarci a vedere e superare le difficoltà con maggiore leggerezza e positività”.

Ugo Giletta, nato a San Firmino di Revello (Cuneo), è un artista che lavora quasi esclusivamente con il volto umano e il cui percorso è stato caratterizzato dall’utilizzo di diverse tecniche tra cui la pittura, il disegno, la scultura e le installazioni video e le cui opere sono state esposte in tutto il mondo. La sua collaborazione con poeti e scrittori, in particolare con l’attore Nico Orengo e con la poetessa Alda Merini lo ha portato a realizzare anche alcuni libri d’arte per le Edizioni Pulcinoelefante.

Stefano Allisiardi è un giovane artista diplomato in chitarra classica all’Istituto Ghedini di Cuneo e in Incisione e Grafica d’Arte all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Ha vinto diversi premi tra cui il 1° posto nella sezione grafica al Premio Matteo Olivero di Saluzzo Arte  e il 1° premio della giuria al torinese “Io espongo”. Vanta diverse pubblicazioni, anche con interventi di personaggi famosi tra cui Dario Fo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button