ALBACalcioSPORT

L’Area Calcio ribalta la Prossantostefanese

Ospiti in vantaggio su rigore, poi la reazione albese che vale il 3-1 finale.

Buona giornata per l’Area Calcio che sfrutta il turno casalingo e si riporta in vetta dopo la domenica di riposo.
Mister Rolando è costretto a sostituire Navello con Tamagnone, dopo meno di un quarto d’ora, per un problema al ginocchio e a subire lo svantaggio su calcio di rigore trasformato da Biggi al 16°.
Il vantaggio dura poco e al 24° Flou insacca una respinta del palo.
Partita aperta ed equilibrata fino al 40°, allorché il direttore di gara espelle Mazzotta, il portiere ospite, per ingiuria.
Nella seconda frazione, la Prosantostefanese, con un uomo in meno, deve arretrare e cercare le ripartenze.
Occasione per Rizzo al 63°, ma bravo il portiere che devia in angolo; ci provano prima Zabellan che colpisce il palo al 68° e poi Flou che colpisce il portiere in uscita al 72°.
La partita si sblocca a favore dell’Area: minuto 75, punizione di Zabellan che coglie il suo secondo palo, la palla colpisce la schiena del portiere e termina in rete.
Si infortuna Idanza tra le file ospiti e la partita si ferma per dare la possibilità ai sanitari del 118 di poter intervenire per assistere la ragazza.
Gli ultimi sette minuti più recupero, sono utili solo alle albesi per chiudere la partita con l’ennesimo sigillo di Flou.
Domenica 31 ottobre l’Area riceverà, al Renzo Saglietti di Alba, il Cus Torino, in un altro big match di un equilibratissimo girone B di Eccellenza.

A.S.D. AREA CALCIO ALBA ROERO.
D’Antuono, Rizzo, Verrua, Valente, Casetta (dal 69° Ciravegna), Giacosa, Cavallo (dal 60° Lioia), Gallo, Navello (dal 13° Tamagnone, dal 76° Sonnati), Zabellan, Flou. A disposizione Perrone, Guza, Pio e Rinaldi.
Allenatore Sig. Davide Rolando.

A.S.D. PROSANTOSTEFANESE 2020.
Mazzotta, Iadanza, Gallo, De Masi, Marchiaro, Malato, Biggi, De Vidi, Donna, Aloi, Rossi. A disposizione Allasia, Giannone, Meli, Bonavolonta’, Mirano, Trebisondi, Cantore, Orlando.
Allenatore Sig. Alessandro Montanaro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button