More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    “La velocità è vita”, serata sull’ictus con Alice e i Veterani dello sport

    spot_imgspot_img

    ALBA.

     Venerdì 24 maggio, alle 18, nella Sala della Banca d’Alba (via Cavour 4), si presenta “Ictus. La velocità è vita”, serata d’informazione sull’ictus cerebrale organizzata da A.L.I.Ce. Cuneo Odv Ets, sezione Alba-Bra-Langhe e Roero, in collaborazione con i Veterani dello Sport “Mario Fontani” sezione di Alba e il patrocinio dell’Asl Cn2. Si ringrazia altresì il CSV Cuneo per il costante sostegno alle associaziazioni di volontariato territoriale.

    L’ictus cerebrale è la prima causa di disabilità in Italia e seconda di morte, – dice la vicepresidente di A.L.I.Ce., l’albese, Orsola Bonino -; è importante sapere che 9 ictus su 10 potrebbero essere evitati correggendo quelli che sono i principali fattori di rischio: alimentazione scorretta, fumo, verifica della ipertensione arteriosa, colesterolo alto, iperglicemia e fibrillazione atriale, oltre all’abuso di alcol”. Ma “La velocità è vita” vuol anche dire che non appena si hanno i campanelli d’allarme di un ictus bisogna subito chiamare il 118 (o il 112, numero unico di emergenza). Ogni minuto di ritardo nel trattare un ictus acuto, causa la perdita di aree cerebrali sempre più grandi: il “tempo è cervello”, ovvero “time is brain” – dicono gli anglosassoni -, per questo essere veloci, può salvare la vita ed evitare danni importanti.

    Alla Banca d’Alba, il 24 maggio alle 18, con esperti, medici e testimonianze

    Di tutto questo, e molto altro, si parlerà nella serata (ingresso libero), che vedrà la partecipazione di Gianluca Toselli, medico sportivo; Marco Giraudo, neurologo; Cloè Dalla Costa, medico nutrizionista; Giancarlo Rando, fisiatra e la testimonianza di Emanuele Peruzzi. Lui, dopo un’emorragia cerebrale massiva, ha ritrovato il sorriso e l’entusiasmo, anche grazie ad A.L.I.Ce. attraverso la partecipazione al percorso di lotta all’afasia (perdita della parola) che l’associazione porta avanti con il progetto di musicoterapia del Coro degli Afasici “Enrico Catelli”. Un’iniziativa provinciale, con un cospicuo nucleo albese, gratuita, che esiste grazie al sostegno e supporto di tante realtà, persone, enti e Fondazioni. Durante la serata verranno mostrate anche le metodologie e i risultati; per informazioni e libere partecipazioni al percorso di musicoterapia ed empatia: www.alicecuneo.it – info@alicecuneo.it – telefono 333 745 8606.

    Da sinistra a destra, guardando la foto: i coristi Emanuele Peruzzi, Luciano Rocca, Domenico Prato

    È importante, non da ultimo, continaure a sostenere i progetti dell’associazione attraverso il 5×1000, scrivendo il codice fiscale 96067980043, in sede di dichiarazione dei redditi.

    Al termine della serata, a tutti i partecipanti, verrà donato un gradito omaggio, per il quale si ringrazia il Gruppo Rivoira, per celebrare i 20 anni di A.L.I.Ce. Cuneo, nata nel 2004 per volontà del medico Giuseppe Bonatto (oggi presidente emerito), colpito lui stesso da ictus in giovane età.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio