Dall'AstigianoAttualità

La Provincia di Asti punta sui talenti per contrastare il disagio giovanile con il progetto “On my way!”

La Provincia di Asti conferma il suo grande impegno nello sviluppo psicofisico di adolescenti e giovani, dopo il successo di “Scouting“, con il progetto “On my way! Percorsi di inclusione e partecipazione verso l’autonomia“.

L’iniziativa promossa dall’Ufficio Politiche Giovanili della Provincia di Asti è rivolta in particolare a ragazzi e ragazze più fragili dal punto di vista relazionale o a rischio di disagio sociale, offrendo loro opportunità educative e di sperimentazione in ambito sportivo e artistico.

Il progetto “On my way!” ha partecipato nei mesi scorsi ad un bando nazionale di “Azione Province Giovani” ricevendo un finanziamento di € 49.905,00 da parte dell’UPI (Unione Provincie d’Italia).

I partner del progetto

Partner del progetto, che collaboreranno con la Provincia di Asti, sono le cooperative sociali O.R.SO.Animazione Valdocco di Torino e l’Associazione Culturale Fuoriluogo di Asti, rappresentate in sala da Andrea GenovaGiampiero BoarinoRoberto Zanna e Riccardo Crisci.

È prevista anche la partecipazione come “associati” dei Comuni di Asti e Nizza Monferrato, in quanto referenti dei principali territori che beneficeranno delle azioni del progetto, come spiegato da Maurizio Rasero e Simone Nosenzo, rispettivamente Sindaci di Asti e Nizza Monferrato nonché Presidente e Vice Presidente della Provincia di Asti, accompagnati per l’occasione dagli assessori comunali Loretta Bologna (Comune di Asti) e Ausilia Quaglia (Comune di Nizza Monferrato)

“At school” e “On the street”: le linee di intervento del progetto

Il progetto “On my way!” si svilupperà da gennaio a settembre 2023 e prevede due linee di intervento.

La prima, dal titolo “AT SCHOOL”, sarà rivoltà ad almeno 300 studenti e studentesse tra i 14 e i 16 anni delle Scuole Secondarie di Secondo grado, che parteciperanno a un percorso orientativo ed educativo di gruppo per scoprire i propri talentiinteressi e passioni, sia in ambito formativo/professionale sia in relazione all’utilizzo del tempo libero.

Per alcuni di loro, individuati da una equipe multidisciplinare (insegnanti, educatori/orientatori, psicologi), sarà prevista una “dote sportiva” per la partecipazione gratuita a corsi e attività presso associazioni e squadre del territorio oppure a un “soggiorno residenziale estivo” presso il Campeggio di Roccaverano.

La seconda azione, denominata “ON THE STREET”, sarà rivolta a circa 50 adolescenti e giovani, di età compresa tra i 16 e i 20 anni, individuati in collaborazione con gli operatori dei progetti e dei servizi del territorio (es. InformagiovaniEducativa territorialeCentri di Aggregazione Giovanile).

La proposta prevede la partecipazione ai Laboratori creativi (di canto, fumetto, chitarra, danza) proposti dal “collettivo artistico” formato dai giovani selezionati nel precedente progetto “SCOUTING” della Provincia di Asti, che si sperimenteranno come “peer educator”.

Al termine dei corsi in ambito artistico, della durata di 30-40 ore caduno, sarà previsto uno spettacolo teatrale e di “arti varie” aperto al pubblico, che vedrà protagonisti i giovani coinvolti.

Alcuni di loro potranno inoltre usufruire di un “bonus educativo” per l’acquisto di attrezzature utili per continuare a coltivare il proprio “hobby”: strumenti o attrezzature musicali, kit per il disegno, abiti o calzature per la danza, ecc.., oppure avranno diritto a partecipare gratuitamente a un “soggiorno artistico di gruppo” presso il Campeggio di Roccaverano.

Il commento di Maurizio Rasero, Presidente della Provincia di Asti

Il Presidente della Provincia di Asti Maurizio Rasero, in avvio dei lavori, ha voluto ringraziare gli uffici dell’ente provinciale che ancora una volta hanno saputo distinguersi per l’eccellenza del proprio operato ed elaborare un progetto capace di far emergere le più svariate qualità presenti nei nostri giovani, con evidenti ricadute positive per il territorio.

Il commento di Simone Nosenzo, Vice Presidente della Provincia di Asti

Il Vice Presidente della Provincia di Asti Simone Nosenzo (con deleghe alle Politiche Giovanili e Sport) ha sottolineato l’importanza di iniziative concrete volte a contrastare il disagio giovanile anche visti gli episodi di bullismo e baby gang segnalati, di recente, nell’Astigiano. Fondamentale la valorizzazione e l’incoraggiamento dei nostri ragazzi affinché riescano a ricondurre tutte le loro energie in ambiti sportivi o artistici.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button