Dal CuneeseAttualità

La protesta dei sindaci a Roreto: «Finite la Asti-Cuneo»

Hanno annunciato che proseguiranno «a oltranza» i sindaci radunatisi questa mattina alla cima della salita del Bergoglio, a Roreto di Cherasco, per chiedere il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo. La A33 che si interrompe poco lontano da qui, dove da lustri si attende l’avvio dei lavori per il lotto mancante in direzione Verduno e Alba, assorbirebbe anche il traffico degli oltre 2mila mezzi pesanti in transito quotidianamente lungo questo tratto della Sp 7.

Con il sindaco di Cuneo e presidente della Provincia Federico Borgna, alla protesta c’erano tra gli altri i primi cittadini di Bra e Cherasco con esponenti politici quali i senatori Patrizia Manassero e Matteo Richetti del Pd, l’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco (anche lui Pd) e rappresentanti della Camera di Commercio, dei sindacati, delle associazioni di produttori. Presente anche l’ex senatore forzista Mino Giachino promotore insieme al braidese Roberto Russo di una petizione pro Asti-Cuneo su Internet.

Dopo questa dimostrazione, Borgna e i suoi colleghi hanno annunciato l’allestimento di un presidio permanente sotto la Prefettura a Cuneo. Presidio che potrebbe spostarsi a Roma, al Ministero diretto da Danilo Toninelli se non arriveranno presto notizie circa uno «sblocco» dei cantieri.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button