ALBAScuola

La nuova dirigenza delle scuole superiori albesi è nel segno del rosa

ALBA – Come tradizione in questo periodo, sono arrivate le nomine per i dirigenti scolastici italiani e due scuole del territorio, a partire dal prossimo settembre, avranno un nuovo preside. Ad Alba, in particolare, dopo moltissimi anni, sarà il Liceo Magistrale Da Vinci, a salutare Alessandro Zannella. Il dirigente, dopo 11 anni andrà in pensione. Al suo posto arriverà la professoressa Laura Ragazzo, che fino allo scorso anno dirigeva l’istituto comprensivo “Bra 2”. La signora Ragazzo ha conclamata esperienza come animatrice digitale e, come si evince dal suo curriculum, è particolarmente interessata a sperimentare nuovi percorsi d’apprendimento, che coniughino l’impiego delle tecnologie digitali con metodologie didattiche attive e learner-centered. È stata docente di lettere nella scuola secondaria di I° e formatrice in corsi finalizzati a promuovere un approccio didattico innovativo. Con la sua nomina, cresce la “quota rosa” tra i dirigenti albesi. Tra le scuole superiori, solo il Liceo Govone vanta un preside maschio: il professor Roberto Buongarzone. Tutte le altre scuole superiori saranno guidate da donne ed in particolare da Antonella Germini (Umberto I), Valeria Cout (Einaudi), Paola Boggetto (Cillario-Ferrero) e Anna Viarengo (Cocito). Dicevamo di un altro nuovo dirigente, che arriverà in quel di Canale. All’istituto comprensivo del comune roerino è stato nominato Raffaele Mandaradoni, già dirigente del comprensivo Mussotto-Sinistra Tanaro di Alba. Mandaradoni prenderà il posto di Maria Luisa Rivetti, anch’essa collocata in pensione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button