Dal CuneeseCRONACA

La notte di Halloween ha portato via oltre 50 punti sulle patenti dei cuneesi

Lunedì 31 ottobre, serata dei festeggiamenti di Halloween, il Comando della Polizia Locale di Cuneo ha organizzato una serie di controlli, con più pattuglie in servizio anche in orario serale, affinché le iniziative organizzate si svolgessero il più possibile in sicurezza e con il rispetto delle norme vigenti.

Sono state oggetto di controllo sia le principali arterie di comunicazione con i comuni limitrofi sia le aree dell’altipiano, luogo classico di ritrovo dei giovani cuneesi. Tra queste la zona di via della Pieve e Corso Giovanni XXIII, dove sono state erogate decine di contravvenzioni per divieto sosta, l’area di corso Giolitti e della stazione, l’asse centrale cittadino e corso Francia, dove sono stati utilizzati anche i dispositivi elettronici per individuare veicoli scoperti di assicurazione o con la revisione obbligatoria scaduta.

L’attività svolta si è concentrata anche su una delle principali cause di incidente, ovvero l’eccesso di velocità: le verifiche effettuate nell’abitato di San Rocco Castagnaretta hanno permesso, su circa cento vetture controllate, di sanzionare oltre venti automobilisti che viaggiavano oltre i limiti consentiti (di cui uno ad oltre 100 km/h nel centro abitato), che hanno portato alla decurtazione di oltre 50 punti ed al ritiro di una carta di circolazione ed una patente. Nonostante i numerosi controlli svolti attraverso l’etilometro in dotazione alle pattuglie, non ci sono invece state sanzioni per guida in stato di ebbrezza.

La serata di controlli ha fatto registrare anche l’accertamento di un’attività di intrattenimento musicale non autorizzata, che ha portato gli agenti a disporre l’immediata interruzione della stessa, a cui seguirà una sanzione amministrativa.

In ultimo, nell’arco della serata l’attività degli agenti è stata estesa anche ad un controllo mirato dei parchi, spesso oggetto di atti vandalici, sia nel centro urbano (partendo dal più esteso Parco Parri) fino ad arrivare in quelli frazionali.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button