dal PiemonteEconomia & Lavoro

La geopolitica per ora non collassa il sistema

Il presidente di Confindustria Cuneo Mauro Gola ha commentato gli esiti dell’indagine riferita nell’articolo qui sopra: «La tenuta degli indicatori strutturali che emerge, rassicura sulla capacità di reazione delle imprese anche a fronte di una situazione geopolitica ed economica di eccezionale aleatorietà. Un’incertezza che ha origine da un insieme di fattori concomitanti, a partire dalla guerra in Ucraina, con tutti gli annessi legati alla fornitura di gas da parte della Russia, alle nuove ondate del Covid-19, passando per l’inflazione in forte crescita e la conseguente attuazione di politiche monetarie più restrittive». Il direttore generale di Confindustria Cuneo, Giuliana Cirio: «Le proiezioni sono state elaborate prima che Mario Draghi si dimettesse da presidente del Consiglio, una circostanza che contribuisce ad aumentare ulteriormente l’incertezza e che, inevitabilmente, influenza le nostre prospettive di crescita nel breve-medio periodo.». La responsabile del Centro Studi Confindustria Cuneo, Elena Angaramo: «Il peggioramento del quadro economico complessivo trova, per ora, debole riscontro nelle aspettative delle imprese piemontesi. Gli indicatori, infatti, non si discostano in misura apprezzabile dai livelli di giugno e marzo. Questo riguarda sia gli indicatori anticipatori (previsioni a breve su produzione, ordini e occupazione) sia quelli a consuntivo (tasso uso impianti, investimenti, ritardi incassi, cassa integrazione). Conflitto in Ucraina, inflazione e rincari non hanno ancora avuto impatto sulle prospettive a breve termine di produzione e ordini in un momento in cui l’economia italiana ed europea erano in buona accelerazione».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button