More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    La Fondazione CRC ricorda Roberto Albanese presentando “I palazzi di Via Roma si raccontano”

    spot_imgspot_img

    Venerdì 10 febbraio alle ore 17.30 presso il Cinema Monviso (Via XX Settembre 14, Cuneo), si terrà la presentazione pubblica della raccolta in tre volumi “I palazzi di Via Roma si raccontano” (Primalpe, 2022). L’opera libraria è stata curata da Don Gian Michele Gazzola sulla base degli scritti e delle ricerche condotte da Roberto Albanese, storico dell’architettura deceduto improvvisamente in un incidente nel luglio del 2020, che ha dedicato la sua vita allo studio del passato e ha messo a disposizione le proprie conoscenze per tanti progetti e iniziative in provincia di Cuneo. La pubblicazione è frutto del progetto di valorizzazione degli archivi appartenuti a Roberto Albanese, che la sorella Marinella ha deciso di affidare alla Fondazione CRC nell’ambito del Progetto Donare. Durante l’incontro Ezio Bernardi, direttore responsabile de “La Guida” e Don Gian Michele Gazzola, curatore del libro, descriveranno la genesi e l’articolazione dell’opera. È possibile riservare il proprio posto tramite il sito www.fondazionecrc.it.

    “Due anni fa la Fondazione CRC promise a Marinella Albanese che avrebbe valorizzato e tramandato alla comunità gli studi e le ricerche condotte dal fratello Roberto. Un’iniziativa realizzata nell’ambito del Progetto Donare, nato per rafforzare nelle comunità lo spirito di solidarietà e raccogliere donazioni di privati da mettere a patrimonio comune. Con questa pubblicazione, resa possibile grazie all’impegno di don Gian Michele Gazzola e della casa editrice Primalpe, oggi il progetto giunge a conclusione” spiega Ezio Raviola, presidente di Fondazione CRC. “La serata di presentazione dei tre volumi vuole celebrare il grande lavoro realizzato dall’autore, prematuramente scomparso: un importante patrimonio archivistico, bibliografico e documentale, frutto di una vita dedicata alla ricerca, che oggi diventa testimonianza preziosa per la comunità cuneese”.

    “Ringrazio il Presidente della Fondazione CRC Ezio Raviola, Don Gian Michele Gazzola ed Ezio Bernardi per aver portato a compimento la pubblicazione del libro dedicato ai Palazzi di Via Roma. Donando l’archivio alla Fondazione, di cui mio fratello aveva grande stima, ho voluto restituire alla comunità l’attività di studio e ricerca portata avanti con passione e dedizione da Roberto” aggiunge Marinella Albanese. “Ritengo infatti che questo patrimonio costituisca una memoria storica fondamentale che merita di essere sempre più conosciuta e fruita in particolare dai giovani e dagli studenti, oltre che dai ricercatori e dagli studiosi”.

    “L’abbozzo dell’opera presentata da Roberto Albanese all’editore Primalpe prevedeva un volume di circa 600 pagine. Il materiale affidatomi dalla Fondazione CRC, su richiesta di Marinella Albanese, per la stesura definitiva è stato concentrato in 980 pagine, con delicata cernita di ben più abbondante documentazione, su cui Roberto aveva anche ulteriori progetti. Mi sono attenuto all’indice ed alla guida alla lettura già predisposta dallo stesso Albanese” conclude don Gian Michele Gazzola. “Per rendere fruibile, in particolare per gli studenti, secondo intenti tra noi condivisi in anni di reciproco sostegno nelle ricerche, ho liberamente ampliato i repertori da lui abbozzati in appunti, ed ho potuto contare sulla paziente collaborazione di un gruppo di volontari della Biblioteca Diocesana, che in un paio di mesi hanno elaborato con me le 180 fitte pagine di indici, con l’intento di introdurre nelle vasta miniera di dati, raccolti da Albanese in 45 anni di studi e ricerche, animate dalla sua passione di far conoscere le radici di Cuneo e render più bella questa città”.

    La raccolta, suddivisa in tre volumi, prosegue e amplia il racconto iniziato da Roberto Albanese con “I segreti di Via Roma” (Primalpe, 2018). Il primo volume di “I palazzi di Via Roma si raccontano” restituisce un’analisi sulla connotazione di Via Roma e sulle caratteristiche dell’abitare lungo i secoli in questa strada. I restanti due volumi, uno dedicato al versante sul fiume Stura e uno dedicato a quello lungo il fiume Gesso, approfondiscono le caratteristiche urbanistiche e architettoniche dei palazzi affacciati su Via Roma. Il racconto è il risultato di un’attenta operazione di cucitura condotta da don Gian Michele Gazzola, a partire dai testi scritti da Roberto Albanese, basata su una ricca bibliografia che testimonia la profondità del suo lavoro, realizzato tra gli archivi e sul campo. Il volume, inoltre, è impreziosito da un ricco apparato iconografico che guida il lettore in un appassionante viaggio nel passato della città.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio