Dal CuneeseAttualità

La Fiera del Porro di Cervere ricorda Gianfranco Surra, uno dei suoi fondatori

CERVERE – Due appuntamenti hanno caratterizzato il primo weekend di Fiera a Cervere. Durante l’inaugurazione della 40 esima edizione della Fiera del Porro Cervere è stato conferito il Porro d’Oro 2019 alla memoria di Franco Surra, scomparso 15 anni fa, ex presidente della Pro loco di Cervere. Il sindaco non ha esitato a definirlo come un uomo che è stato ed è ancora oggi un simbolo delle eccellenze nel nostro paese e dello spirito che anima la cittadina di Cervere, un esempio di amicizia e di valore per la sua comunità.

Gianfranco Surra è nato a Carmagnola il 5 marzo 1944 e si è trasferito a Cervere nei primi anni ’70 per dare il via a quella che è stata innanzitutto una brillante carriera imprenditoriale. La sua presenza nella comunità è stata un’incredibile scintilla fin dai primi giorni, innestandosi in un tessuto sociale di grande fermento che nel giro di pochi anni avrebbe dato il via a gran parte delle attività di cui ancora oggi gode ogni cerverese.

Una storia di amicizie e di volontariato, quindi, ma anche di grande creatività ed iniziativa. Franco, come era generalmente chiamato in paese, è stato tra i fondatori della Pro Loco che ha dato in seguito i natali alla Fiera del Porro nel 1980. Fulgido esempio dello spirito pionieristico ed intraprendente che ha caratterizzato quegli anni.

Gianfranco Surra ha fatto parte del gruppo fondatore dell’FC Cervere, partecipando ai primi passi “orange” del calcio nel nostro paese, diventandone in seguito Presidente per 13 anni consecutivi dal 1977 al 1990. Inoltre è stato socio fondatore della Bocciofila, altro fondamentale punto di aggregazione e sviluppo di quegli anni e dei decenni successivi.

“C’era entusiasmo unico, erano anni in cui assieme a un grande gruppo di amici ci si studiava sempre qualcosa di nuovo”

Durante la giornata si è svolta anche la prima proiezione pubblica del cortometraggio “Cattedra del contadino – La storia del Porro Cervere” di Davide Sordella girato in paese con attori scelti tra i cittadini.

L’idea di un film per la 40a edizione della fiera è nata grazie al consigliere comunale Giacomo Dotta ed è stata accolta dal sindaco Corrado Marchisio che si sono rivolti a Davide Sordella, regista, ed ex sindaco di Fossano.

Il cortometraggio racconta la storia di come la comunitá cerverese si sia unita intorno alla spirito visionario del parroco don Carlo Cavallo per valorizzare l’ortaggio che nel tempo è diventato il simbolo di Cervere.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button