La Cisrà di Dogliani conquista anche il Giappone

Oltre 4.300 porzioni della tipica zuppa distribuite, il paese letteralmente invaso dai turisti per la Fiera dei Santi con oltre 300 banchi di espositori. Sono i due dati che emergono dalle tradizionali manifestazioni di inizio novembre, proposte anche quest’anno a Dogliani.
Per mangiare la cisrà, la zuppa di trippe e ceci che un tempo rifocillava i viandanti pellegrini, sono arrivati persino dal Giappone (nella foto, turiste dal Paese del Sol Levante ritratte con il sindaco doglianese Franco Paruzzo). Apprezzato è stato l’inedito «gemellaggio» con un’altra tipicità cuneese diventata famosa nel mondo: il porro di Cervere. A Dogliani i cerveresi hanno ingolosito proponendo il loro piatto rappresentativo: il Pastis ‘d Cesca, carne cruda insaporita con porro e altre prelibatezze autunnali. I doglianesi renderanno la visita venerdì 24 novembre portando la loro calda cisrà alla “Serata delle eccellenze” in programma alla Fiera di Cervere. (A. R.)

X