CalcioCanaleROERO NORDROEROSPORT

La bella storia di Matteo Campo, dalla Canale del pallone al Torino Calcio

Il consigliere comunale sarà il nuovo funzionario della squadra Granata

Dai campi della provincia ai bordi della serie A: passando per tutta una vita in cui il calcio e la passione per tutto ciò che significa “fare squadra” sono stati elementi quotidiani. E fin qui, tutto liscio: soprattutto in un modo “moderno” di fare giornalismo. Che, delle favole sportive, ne fa un piatto immancabile nel proprio menu di fatti e cronache semi-quotidiane. Non è la prima volta, per le narrazioni di ascese dall’ombra lucente del dilettantismo all’olimpo del pallone: senonché, stavolta, la storia di cui parliamo assume connotati molto umani. E’ l’e­sperienza di Matteo Campo, sicano d’origine (è nativo di Sciacca, classe ‘61), ma canalese fino al midollo.

Canalese, appunto: come il nome della squadra per cui ha vestito i colori sin dagli Anni ‘70. Ora la notizia è più che fresca: come l’inchiostro sulla firma apposta sul contratto. Matteo è infatti pronto per la nuova sfida: nelle vesti di funzionario del Torino Fc, appena assunto nello staff delle giovanili guidato da Silvano Benedetti (sì, il difensore che vestì le maglie del Toro e della Roma negli Anni ‘90). Il patto è giunto al termine di un serrato corteggiamento sportivo: ma occorre fare qualche passo indietro, per capire soprattutto “chi” è Matteo Campo, e il suo rapporto con il calcio, con Canale – in cui è altresì consigliere comunale – e con un contesto in cui sport, società civile e persone sono spesso parti di un meccanismo unico, senz’altro peculiare. E sì che, per lui, la vita attiva nella cittadina era partita proprio dai campi verdi del “Malabaila”. Con i primi calci al pallone, negli Anni ‘70: insieme ai mister di allora, Virginio Casagrande e Paolo Serafino, «cui sarò sempre grato per tutto ciò che seppero insegnarmi come calciatore e come uomo». Parla così, con una commozione che si coglie in pieno.

Poi, l’esperienza a Orbassano, nelle serie superiori: e la carriera interrotta da un grave infortunio, il riavvicinamento al Roero, nel glorioso Cisterna d’Asti, e il ritorno alle origini. Sino al 1994, con la nascita della prima figlia Michela: «Decisi allora che, tra la famiglia e il calcio giocato, la domenica pomeriggio la precedenza andava a… spingere il passeggino», anche per fornire la cifra morale di Campo. Ma il pallone chiamava, anche solo da bordocampo: facendo rivestire perlomeno la tuta a Matteo, con i primi corsi da allenatore (con un istruttore di prim’ordine come Mauro Masetti) e la proposta giunta nel ’97 da Beppino Rosso, storico dirigente di quella che è ora e l’Asd Canale 2000 Calcio. «Ero parte di un piccolo nucleo di nuovi allenatori, insieme a Giancarlo Sperone, Luca Barone e Davide Musso, con l’obiettivo di creare un settore giovanile a supporto della prima squadra. Siamo cresciuti poco alla volta, con l’arrivo di nuovi allenatori, bravi e competenti: e, soprattutto, lavorando sempre all’insegna della collaborazione con le famiglie. All’epoca, è anche vero come nell’ambiente sportivo locale ci fosse peraltro un tocco di scetticismo attorno a questo progetto: e c’era chi diceva che Canale non avrebbe mai avuto un “vero” settore giovanile. Siamo andati avanti, però, ogni giorno, insieme: ponendo i giovani calciatori, l’aspetto educativo, come fulcro di tutto».

Da quei semi idealmente lanciati nel campo, germinò il primo virgulto di avvicinamento di Matteo ai fatti di oggi: con quella che fu per un lustro l’affiliazione dei “ragazzi” della Canalese al progetto della Toro Academy, un piano distribuito tra l’Italia e il resto del mondo, fatto di una vera e propria “rete” di società. Formazione, scouting: ma anche esperienze collettive come la partecipazione alle partite di massima serie allo stadio “Grande Torino”. E i camping primaverili ed estivi: che, d’ora in poi, saranno il “pane quotidiano” e lavorativo di Matteo. La Canale del pallone è diventata un luogo che ha la crescita, sportiva e umana, come obiettivo principale: proseguita poi con la nascita dell’Asd Canale Academy. Come è maturata questa scelta di vita? «Ammetto che, più volte, in questi anni mi è stato proposto da Benedetti e Coppola di lavorare con loro. E’ stata infine una decisione ponderata: Canale è la mia “casa”: e ringrazio lo staff e la presidente della Canale Academy, Silvia Marchisio, per avermi consentito di continuare il mio percorso al Torino Fc». Una parola, ancora, per la società da cui proviene: «E’ un gruppo fantastico, e sono più che sicuro che faranno bene: a loro, a chi mi ha accompagnato e ha vissuto con me questo cammino, alle famiglie, ai ragazzi che ho visto crescere in questi anni, va tutta la mia riconoscenza». Adesso, una nuova frontiera: «Lavorare con il Toro è un pensiero esaltante: già aver avuto la possibilità di collaborare con questa società, negli ultimi 5 anni, nei differenti “camps” mi ha permesso di incontrare professionisti eccellenti, italiani e stranieri. Sono emozionato, e allo stesso tempo mi sento pronto, e felice per la fiducia che è stata riposta in me: farò di tutto per meritarla. Grazie Toro, e grazie Canale!».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button