Dal CuneeseEconomia & Lavoro

Inflazione, Coldiretti Cuneo: “7 famiglie su 10 riducono gli sprechi a tavola”

Di fronte agli aumenti dei prezzi nel carrello della spesa, 7 consumatori su 10 (68%) si impegnano a ridurre gli sprechi alimentari, quasi la metà taglia il superfluo a tavola (48%) e presta più attenzione al rapporto prezzo euro/Kg (47%). È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti relativa alle strategie adottate dagli italiani secondo Ismea di fronte all’aumento dell’inflazione che a maggio per l’Istat sale al 6,9%, il massimo dal 1986.

A sostenere l’accelerazione della crescita dei prezzi oltre all’energia – sottolinea la Coldiretti – sono gli alimentari cresciuti in media del 7,1% per effetto degli aumenti generalizzati di tutti i prodotti a partire dagli oli alimentari di semi (+70,2%) al burro (+22,6%) fino alla pasta (+16,6%).

Tra i comportamenti virtuosi segnalati dagli italiani spicca la riduzione degli sprechi che riguarda ben il 68% delle famiglie. Un impegno che al valore economico aggiunge anche quello etico ed ambientale in un Paese come l’Italia dove in media – sottolinea la Coldiretti – finiscono nella spazzatura quasi 31 chili all’anno di prodotti alimentari per un totale di oltre 1,8 miliardi di chili da smaltire. La propensione al risparmio – continua la Coldiretti – non sembra intaccare l’attenzione verso la qualità di ciò che si porta a tavola con il 70% dei consumatori che non intende rinunciare al prodotto 100% italiano anche per sostenere l’occupazione e l’economia nazionale.

Per contribuire alla diffusione di comportamenti antispreco tra le famiglie cuneesi, sabato 4 giugno al mercato contadino di Campagna Amica a Cuneo in Corso Giovanni XXIII, 15/bis, in occasione della Festa di (quasi) inizio estate, i bambini delle scuole dell’infanzia e primarie potranno partecipare ai laboratori didattici “A scuola di sostenibilità” (ore 10-12 e 15-17) che forniranno tanti utili consigli antispreco per rispettare e tutelare la natura e il territorio.

Se i prezzi per le famiglie corrono – precisa la Coldiretti – l’aumento dei costi colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare a partire dalle campagne, dove 1/3 delle aziende agricole si trova costretta a lavorare in una condizione di reddito negativo, secondo il Crea. In agricoltura si registrano, infatti, aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio.

“Occorre lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali e alle speculazioni” afferma il Presidente di Coldiretti Cuneo Enrico Nada nel sottolineare che “nell’immediato bisogna intervenire per contenere il caro energia e i costi di produzione con interventi immediati per salvare aziende e stalle e strutturali per programmare il futuro”.

STRATEGIE DI RISPARMIO

· Ridurre gli sprechi alimentari 68%

· Ridurre l’acquisto di beni superflui 48%

· Prestare attenzione al prezzo euro/Kg 47%

· Cercare le promozioni 38%

· Fare la lista della spesa 37%

(Fonte: elaborazioni Coldiretti su dati Ismea/Nielsen)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com