dal PiemonteAttualità

Indennizzi ai proprietari di piante tartufigene, la Regione dispone 18 euro ad albero

La Regione Piemonte va incontro ai proprietari delle piante tartufigene, aumentando da 12 a 18 euro l’importo annuale massimo concedibile per ciascuna di esse. La decisione è stata presa in attuazione di quanto stabilito dalla Consulta per la valorizzazione del patrimonio tartufigeno regionale su richiesta dell’Unione regionale delle associazioni di cercatori di tartufi.

È ancora aperto il bando per la presentazione della domanda di indennità relativa all’anno 2021 per la conservazione del patrimonio tartufigeno regionale, tramite il servizio informativo della Regione Piemonte, disponibile in rete sul Portale Tartufi: il termine è stato prorogato all’11 aprile 2022.

Da anni la Regione concede un’indennità ai proprietari o ai possessori di terreni su cui sono radicate piante arboree di riconosciuta capacità tartufigena, che si impegnano a conservarle, secondo uno specifico piano di coltura, e che permettono la libera raccolta dei tartufi.

«La legge regionale – ha sottolineato il vicepresidente della Regione Piemonte, Fabio Carosso –  ci assegna esplicitamente il compito di conservazione e diffusione delle provenienze autoctone dei tartufi e delle piante ospiti, ed il miglioramento e lo sviluppo della tartuficoltura. Ancora di più, dopo il riconoscimento Unesco per la cerca e cavatura del tartufo a patrimonio immateriale, l’investimento per la creazione di nuove tartufaie diventa un’azione fondamentale per la nostra Regione».

Per maggiori dettagli si rimanda al sito internet della Regione Piemonte, sezione Foreste: www.regione.piemonte.it/web/temi/ambiente-territorio/foreste

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button