DoglianiLANGHELANGA DI DOGLIANICultura e Spettacoli

Incontri estivi letterari: a Dogliani si presenta “La lunga supplenza” di rolando Picchioni

Sabato 11 settembre 2021, ore 18 ai Giardini del Palazzo Comunale Piazza Don Conterno. Con gli autori interviene Alessandra Abbona. Conduce Gianni Farinetti.

A Dogliani Rolando Picchioni ha trascorso le lunghe estati del dopoguerra. Qui sono le radici dei Piacenza, la sua famiglia materna. Dogliani è stato un percorso di formazione: qui da bambino saliva sui calanchi e urlava al vento i suoi commenti sulle notizie di attualità ascoltate alla radio, diventando (parole sue) il «primo blogger sonoro e senza l’ambizione di diventare un influencer». Il ragazzo Picchioni era presente alla storica visita del presidente Luigi Einaudi nel 1948. Qui, molti anni dopo, ha aiutato l’amministrazione comunale a vincere la battaglia per l’interramento degli elettrodotti. Dogliani non ha mai cessato di essere un luogo del cuore.

Rolando Picchioni presenta sabato 11 settembre 2021 alle ore 18.00 nello spazio di Piazza Don Conterno il volume La lunga supplenza scritto con Nicola Gallino ed edito da Nino Aragno. Assieme a Picchioni e Gallino interviene Alessandra Abbona, assessore alla Cultura di Dogliani. Conduce lo scrittore Gianni Farinetti.

L’incontro è promosso dal Comune di Dogliani – Biblioteca Civica Einaudi. L’ingresso è gratuito. Mascherina obbligatoria.

In quasi sessant’anni di vita pubblica Rolando Picchioni ha attraversato da protagonista i grandi momenti della storia culturale e istituzionale d’Italia. Giovane democristiano emergente nella Torino della Fiat di Vittorio Valletta, assessore provinciale all’Istruzione e alla Cultura negli anni della grande immigrazione, presidente del Teatro Stabile di Torino, deputato, vice-responsabile nazionale Cultura per lo Scudo Crociato, sottosegretario ai Beni Culturali. Una carriera tutta in ascesa. Poi lo stop. Il suo nome finisce nell’elenco degli iscritti alla P2. Risulta totalmente estraneo, ma la politica consuma ugualmente le sue vendette. Bisogna ricominciare. E la seconda vita sarà non meno brillante della prima. Capogruppo Dc e poi presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, dove darà vita a quella straordinaria intuizione che sono gli Stati Generali. Direttore esecutivo del World Political Forum che porta in Piemonte i grandi della terra. E infine presidente per quindici anni del Salone del Libro di Torino, che raccoglie dall’orlo del fallimento e porta a livelli internazionali.

La «lunga supplenza» è proprio questo. Quel ruolo di snodo, di cerniera fra politica e cultura che le Istituzioni e gli stakeholder privati affidano a corpi intermedi come la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, che Picchioni guida dal 1998 al 2015. Per un quindicennio la Fondazione è il perno sul quale ruota buona parte della proposta culturale che parte dal Piemonte e si irraggia in tutta Italia. Il Salone, ma non solo. Decine di eventi restati nella memoria collettiva, come le mostre per il Centenario delle Arti Decorative, Casa Olimpia a Sestriere, l’anno Unesco di Torino Capitale Mondiale del Libro, la gestione del vuoto lasciato dalla scomparsa del Premio Grinzane Cavour. La «lunga supplenza» occupa così un ruolo fondamentale nel raccordo tra la memoria e il futuro, nell’ascolto del territorio, nel dialogo fra il centro e le periferie; ruolo che viene meno solo con il mutare degli scenari e con il ritorno in primo piano del protagonismo dei nuovi politici.

L’operazione di memoria individuale condotta in La lunga supplenza assieme a Nicola Gallino, giornalista di Repubblica e storico Responsabile Comunicazione e Stampa del Salone Internazionale del Libro, diventa così l’innesco per mettere a fuoco e interpretare, con il distacco dei tempi lunghi, fenomeni ancora in attesa di un’analisi disincantata o di una necessaria revisione di giudizio.

Sottopelle pulsa costante il rapporto tra politica e cultura. L’idea opposta che di questo rapporto avevano negli anni Settanta una Dc fragile e disattenta e un Pci egemone e monolitico. La parabola che negli anni Novanta e primi Duemila vede una politica disorientata ritrarsi e affidare a corpi intermedi – come la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura – il ruolo propulsore in quella che è stata appunto una «lunga supplenza».

Ma in La lunga supplenza non c’è solo l’analisi storica e sociale. Le radici a Dogliani, l’Erasmus ante litteram, l’incontro con snodi del Novecento come le prime elezioni libere in Spagna e con personalità mondiali come Gorbačëv, Benazir Bhutto o il generale Wojciech Jaruzelski immettono nel racconto anche tanta vita vissuta, che offre materiali e prospettive inedite a vicende ben lontane dall’aver scritto l’ultima pagina.

 

 

Rolando Picchioni è nato a Como nel 1936. Nella sua attività pubblica ha ricoperto molti incarichi: vicesindaco a Chivasso, assessore alla Cultura e Istruzione della Provincia di Torino, presidente del Teatro Stabile di Torino, parlamentare e vice-responsabile nazionale Cultura per la Democrazia Cristiana. È stato deputato dal 1972 al 1983 e sottosegretario ai Beni Culturali dal 1979 al 1981. In Consiglio regionale del Piemonte dal 1990 al 2005, come presidente dell’Assemblea ha promosso gli Stati Generali del Piemonte (1996-98). È stato direttore esecutivo del World Political Forum. Dal 1998 al 2015 ha guidato la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, l’ente promotore del Salone Internazionale del Libro di Torino e di numerosi progetti culturali fra cui l’anno Unesco di Torino Capitale Mondiale del Libro.

Nicola Gallino (Torino, 1964) è giornalista professionista, storico e musicologo. Scrive per La Repubblica. Ha insegnato all’Università del Piemonte Orientale. È stato dal 2007 al 2018 capo ufficio stampa e responsabile comunicazione del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button