Incidente mortale alla Italgelatine, vittima 53enne di Canale

1022
In una foto di repertorio. Uno scorcio della fabbrica in cui si è verificata la disgrazia

Ancora un incidente mortale sul lavoro: è accaduto nel primo pomeriggio di ieri allo stabilimento della Italgelatine, l’azienda che ha sede a Santa Vittoria d’Alba lungo la statale 231 quasi al confine con il territorio di Monticello. La vittima si chiamava Giovanni Lupia, aveva 53 anni ed era un operaio carrellista. E’ stato travolto da un peso di circa 600 chilogrammi di gelatina in granuli. L’esatta dinamica dei fatti è al vaglio degli inquirenti: secondo una prima ricostruzione il grande sacco che conteneva questo prodotto (utilizzato oltre che per uso alimentare anche per quello cosmetico e nella farmaceutica, per il rivestimento delle pillole) avrebbe ceduto all’improvviso. Il carico ha travolto il mezzo con l’uomo che ne era ai comandi.

L’allarme è scattato subito e sul posto si è precipitata un’ambulanza del 118 insieme ai carabinieri e ai tecnici dello Spresal, il servizio anti-infortunistica dell’Asl. Purtroppo i sanitari non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Giovanni Lupia abitava a Canale in località Valle del Pozzo. Era sposato con Enrica Gallino, collaboratrice scolastica alla Primaria canalese, e oltre alla moglie ha lasciato tre figli: Filippo, Beatrice e Lorenzo. «Una persona buona e generosa verso gli altri, un lavoratore e un padre di famiglia esemplare» – lo ricordano i vicini di casa. A parenti e amici giungano le condoglianze anche del “Corriere”.