Incendio nello stabilimento della Transistor a Leini

0
82
Nel primo pomeriggio del 9 febbraio, si è sviluppato un incendio a Leini, presso una piattaforme di riciclo dei rifiuti  costituiti prevalentemente da materiale elettronico (Raee). Le fiamme subito alte hanno interessato una parte del piazzale dove era presente una parte del rifiuto. Arpa Piemonte è stata allertata verso le 14,30 dai VVF, intervenuti in loco con alcune squadre, e attraverso il Numero Unico per le Emergenze (112). In pronta reperibilità garantita da Arpa, sono intervenuti i tecnici esperti in qualità  dell’aria per i controlli atti a verificare le  ricadute di sostanze tossiche provenienti dalla combustione del materiale  e dai tecnici del territorio principalmente  esperti in valutazione della contaminazione del suolo e delle acque di spegnimento. L’emissione di gas di combustione ha interessato l’area prossima allo stabilimento vista la ridotta dispersione del fumo dovuta alle condizioni meteo .
I valori dei COV (Composti organici Volatili) all’interno del perimetro della ditta hanno raggiunto valori di circa 600 ppb (parti per bilione), all’esterno tra i 200 e i 250 ppb e nelle zone di ricaduta dove sono stati fatti i monitoraggi intorno ai 100 ppb. I valori di fondo misurati nella zona sono tra gli 80 e i 120 ppb.
Vista la presenza di composti organici volatili in aria maggiore del fondo locale, il Sindaco di Leini ha dato disposizioni alla popolazione per evitare esposizioni personali ai fumi.
Le misure ambientali di Arpa sono ancora in atto con strumentazione portatile presso il punto accessibile più vicino all’evento incidentale e presso i recettori più prossimi nelle zone di probabile massima ricaduta. Le misure continueranno anche nelle prossime ore fino al  termine dell’evento incendiario.
.
.
Aggiornamento 11 febbraio ore 12
Nella notte l’incendio alla ditta Transistor di Leini è  stato dichiarato sotto controllo e sono continuate da parte dei VVF le operazioni di smassamento del materiale combusto che hanno comportato ancora lo sviluppo di fumo nella notte.
Le attività del Servizio di Risposta in Emergenza di Arpa Piemonte sono continuate nella prima ore della giornata odierna con l’ulteriore screening a largo spettro delle molecole aeriformi, un ulteriore campionamento dell’aria ad alto flusso e la verifica della gestione delle acque di spegnimento e dei rifiuti.
I dati ottenuti con strumentazione portatile hanno certificato in mattinata il ritorno alle condizioni ante incendio.
Durante le attività di monitoraggio sono stati eseguiti  due campioni d’aria  e altri campioni per la determinazione dei microinquinanti a distanze crescenti sottovento rispetto al capannone: le analisi di laboratorio, funzionali alla determinazione di un ampio gruppo di molecole organiche, verranno sviluppate dalla rete laboratoristica di Arpa Piemonte ed i risultati verranno forniti nei prossimi giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui