dal PiemonteSanità

In Piemonte sono 545 i nuovi medici che saranno destinati all’emergenza Covid

L'Assessore regionale alla sanità Luigi Icardi: "Abbiamo bisogno di unire le forze"

A pochi giorni dalla pubblicazione dell’avviso per la raccolta delle manifestazioni di interesse, sono 545 i medici che hanno fornito la disponibilità a prestare assistenza nelle Aziende sanitarie della Regione Piemonte per l’emergenza covid attraverso incarichi libero professionali da stipulare con le singole Aziende.

In particolare, l’appello della Regione è rivolto a medici specialisti, medici specializzandi, iscritti all’ultimo e al penultimo anno di corso delle scuole di specializzazione, laureati in medicina e chirurgia, abilitati alla professione medica e iscritti agli ordini professionali, personale medico collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo.

«Siamo grati a quanti si stanno mettendo a disposizione – osserva l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi -, abbiamo bisogno di unire le forze per affrontare la recrudescenza della pandemia. L’apporto dei medici, come di tutto il personale sanitario è fondamentale, il bando rimarrà aperto per tutto il perdurare dell’emergenza».

La durata dell’incarico e l’impegno orario verranno concordate tra l’azienda e il professionista a seconda della disponibilità manifestata e del perdurare della necessità assistenziale. Le candidature devono essere presentate mediante procedura telematica attiva 24 ore su 24 da qualsiasi postazione collegata alla rete internet, attraverso il sito https://aslcittaditorino.iscrizioneconcorsi.it/

Eventuali chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo email personale.dirmei@aslcittaditorino.it oppure telefonando allo 011.5662816.

Sponsorizzato
Sponsorizzato

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button