In alta Langa, a Perletto, si è formato un gruppo WhatsApp contro i ladri

PERLETTO – WhatsApp non è solo chat per scambiarsi foto e video. L’applicazione di messaggistica, per la sua grande diffusione sui telefoni cellulari può essere utile per la pubblica sicurezza. A Perletto nasce il gruppo contro i furti nelle case: i cittadini si mettono in rete per sentirsi più sicuri e segnalare casi sospetti.
L’ennesimo furto avvenuto in paese (una dozzina se ne sono verificati da agosto), ha spinto gli abitanti a riunirsi al centro polifunzionale nel tentativo di porre rimedio a quella che sta diventando una situazione non più tollerabile. Presenti alla riunione il sindaco di Perletto, Ernesto Beccuti, e il comandante della stazione dei Carabinieri di Cortemilia, maresciallo Alessandro Carle. I cittadini hanno proposto diverse soluzioni per controllare con maggiore accuratezza il territorio. Dopo un’accesa discussione, la maggioranza dei presenti ha optato per formare un gruppo telefonico on line e segnalare in tempo reale eventuali auto sospette, la cui targa verrà comunicata ai carabinieri. I cittadini hanno, inoltre, chiesto al maresciallo di farsi portavoce presso i suoi diretti superiori per potenziare le pattuglie sul territorio.
Beccuti: «Tutta la comunità è dunque impegnata e solidale, affinché vengano catturati i colpevoli e scongiurati altri furti».

X
Skip to content