Il Teatro Sociale di Alba presenta la nuova stagione

Anche quest’anno il Teatro Sociale “G. Busca” si accinge ad inaugurare la nuova stagione deormai giunta alla ventitreesima edizione.

Una grande stagione che, ancora una volta, porta sul nostro magnifico palcoscenico tanti appuntamenti, artisti famosi e apprezzati dal pubblico e le migliori produzioni italiane in distribuzione.

Tra gli autori troveremo: Èric-Emmanuel Schmitt, i classici Carlo Goldoni, William Shakespeare, i divertenti Ray Cooney e Peppino De Filippo; tra i registi: Paolo Valerio, Leo Muscato, Pier Paolo Sepe; tra gli interpreti Michele Placido, Isa Danieli, Giuliana De Sio, Enzo Decaro, Alessio Boni.

Le due sale del Sociale verranno aperte contemporaneamente per accogliere il grande  concerto di Stefano Bollani e assisteremo al gradito ritorno degli Oblivion.

Ritorna quest’anno l’appuntamento dell’8 marzo con uno spettacolo comico che vede Marco Falaguasta in Neanche il tempo di piacersi.

A fianco della “Prosa” ai “Fuori Abbonamento” sono confermate le ormai consolidate rassegne “Teatro del Territorio”, “Famiglie a Teatro”, “Teatro Scuola”,

“Il Teatro dei ragazzi” e “Musica a Teatro”.

 

Da lunedì 23 settembre al botteghino del Teatro si aprono le vendite degli abbonamenti con il primo turno dedicato alle prelazioni.

 La vendita degli abbonamenti a posto fisso incomincia sabato 5 ottobre mentre per gli abbonamenti fai da te e i  singoli biglietti si comincia da sabato 19 ottobre.

 

La vendita dei biglietti nei punti vendita del circuito PiemonteTicket e on line sul sito www.ticket.it avverrà da martedì 5 novembre.

A STAGIONE TEATRALE 2019-2020

 

La ventitreesima stagione del Teatro Sociale “G. Busca” di Alba ospiterà quest’anno 3 appuntamenti fuori abbonamento: i bravissimi Oblivion che tornano, giovedì 5 dicembre, a grande richiesta del pubblico del teatro, con il loro nuovo spettacolo La Bibbia riveduta e scorretta, un Musical interamente scritto e musicato dai cinque artisti che vede nientemeno che il Signore presentarsi da

Johann Gutemberg per la pubblicazione della sua autobiografia che sarà “riveduta e scorretta”.  L’appuntamento con la festa della donna l’8 marzo vede il comico Marco Falaguasta nel monologo Neanche il tempo di piacersi: uno spaccato sui divari generazionali tra padri e figli. Terzo appuntamento sarà con la Musica con la “M” maiuscola: Stefano Bollani si esibirà in Piano Solo Mercoledì 18 marzo. Il concerto sarà presentato sulle due sale.

 

Il cartellone di prosa si apre lunedì 11 novembre con un classico della letteratura teatrale: Piccoli crimini coniugali che vede cimentarsi due grandi attori, Michele Placido e Anna Bonaiuto, in un serrato confronto che giunge fino al massacro fra due coniugi. Martedì 17 e mercoledì 18 dicembre La locandiera messa in scena da Arca Azzurra Teatro,  una delle compagnie più interessanti del panorama italiano, con Amanda Sandrelli, per la regia di Paolo Valerio. Delizioso e per certi aspetti drammaticamente ironico sarà lo spettacolo che andrà in scena giovedì 9 gennaio, Le signorine di Gianni Clementi. Due sorelle zitelle, interpretate Isa Danieli e Giuliana De Sio, che si amano e si odiano, ma che non possono fare a meno l’una dell’altra.

All’insegna del puro divertimento lo spettacolo che andrà in scena venerdì 24 gennaio, Coppia aperta quasi spalancata, scritto a quattro mani dal premio Nobel Dario Fo con Franca Rame, presentato da Chiara Francini e Alessandro Federico, dove il tema centrale è la monogamia maschile e femminile e quanto l’uomo a parole sia disponile ad accettare tradimenti ma, quando li sospetta, non riesca a gestirli.

Lo spettacolo per eccellenza della stagione sarà sicuramente Don Chisciotte, con protagonisti Alessio Boni e Serra Yilmaz. Uno spettacolo osannato dalla critica e dal pubblico per la bravura degli attori e la perfezione della regia, che narra le vicende del personaggio di Cervantes e che avremo modo di gustare martedì 18 e mercoledì 19 febbraio. Un altro classico che da quasi 30 anni non è più stato messo in scena dopo l’allestimento memorabile di Luca Ronconi è Misura per Misura di William Shakespeare, che sarà rappresentato giovedì 12 marzo con protagonista Massimo Venturiello: una commedia dai toni anche cupi dove si narrano le vicende del duca di Vienna.

Non poteva mancare la commedia napoletana di Peppino De Filippo Non è vero ma ci credo, lunedì 30 e martedì 31 marzo, con protagonista Enzo Decaro, nella quale viene affrontata la tematica della superstizione con lo stile tipico dei De Filippo e con la regia di un grande Leo Muscato. Chiude la stagione di prosa giovedì 16 aprile un testo che aveva visto l’allestimento memorabile di Garinei con in scena il grande Johnny Dorelli: Se devi dire una bugia dilla grossa, un meccanismo perfetto scritto da Ray Cooney.

 

Continua la collaborazione ormai decennale con Oscar Barile dell’Associazione Il Nostro Teatro di Sinio che cura la rassegna Il Teatro del Territorio. Tre gli appuntamenti in programma nel mese di febbraio.

Come di consueto a inaugurare la rassegna è il debutto dello spettacolo de Il Nostro Teatro di Sinio che quest’anno ci presenterà, sabato 8 febbraio, lo spettacolo Noios!!!, uno spaccato sulle incomprensioni tra i padri che invecchiano e i figli che non li sopportano, trovandoli proprio “noios”. Sabato 15 febbraio sarà la volta di Pippo Bessone con il suo gruppo – l’Ora Canonica – nello spettacolo Interno 12: comicità, buona musica e tre finti quanto improbabili preti per uno spettacolo ricco di nuovi brani e parabole laiche tutte da scoprire. La rassegna si concluderà sabato 22 febbraio con lo spettacolo La verità di Freud proposto dalla compagnia albese Coincidenze dove Nadia, la protagonista, si trova a fare i conti con i due strani personaggi Es e SuperIo che fanno di tutto per metterla in difficoltà.

 

 

La Rassegna Famiglie a Teatro, realizzata con la collaborazione della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus, vedrà cinque i appuntamenti a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno: due spettacoli presentati in Sala Michelangelo Abbado e i restanti tre sulla Sala Marianna Torta Morolin. A cominciare, un grande classico che non ha bisogno di presentazioni: domenica 22 dicembre Canto di Natale di Charles Dickens, nell’allestimento de I teatri Soffiati. Il 2020 ospiterà domenica 12 gennaio un gradito ritorno de I fratelli Caproni con lo spettacolo Oggi la comica: tra gag, lazzi e giocolerie un “sognatore specializzato” si cimenterà nella costruzione di un’automobile. Domenica 19 gennaio sarà proprio la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus con lo spettacolo Peter Pan a farci riflettere sul fatto che i sogni dei bambini non devono mai spegnersi. Favole al telefono – Il Musical della Fondazione Aida sarà protagonista domenica 26 gennaio: liberamente tratto dai Racconti di Rodari troviamo Giovannino alle prese con un vecchio telefono che ha trattenuto tutte le favole che suo nonno raccontava ogni sera alla sua mamma, allora bambina. Una sorta di carosello musicale di favole in grado di parlare ai bambini di oggi e a quelli di allora, che sono poi i genitori di oggi. Chiude la rassegna lo spettacolo Maracquaìbo – alla ricerca del mare perduto domenica 2 febbraio, presentato dall’albese Associazione Magog.

 

È realizzata sempre in collaborazione con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus la rassegna Teatro-Scuola che prevede spettacoli presentati in matinèe per gli studenti di tutti gli ordini e gradi.

Primo appuntamento martedì 4 febbraio per gli studenti delle Scuole Secondarie di Secondo Grado con Nel nome del Dio web. Il Teatro degli Acerbi proporrà per gli studenti delle Scuole Secondarie di Primo Grado lo spettacolo Soldato mulo va alla guerra mercoledì 12 febbraio. Giannino e la pietra nella minestra di Nonsoloteatro farà sorridere martedì 10 marzo gli alunni delle Scuole Primarie.

Ogni anno viene proposto agli studenti delle Scuole Secondarie di Primo e Secondo grado uno spettacolo in lingua inglese che, come di consueto, viene presentato dalla compagnia Palchetto Stage. Quest’anno sarà la volta di Grease – Il Musical lunedì 16 marzo in doppia replica (ore 8.45 e ore 11.15).

La rassegna si concluderà con una proposta per i più piccini della Scuola dell’Infanzia il martedì 24 e mercoledì 25 marzo con lo spettacolo Ortaggi all’arrembaggio.

 

Il lungo anno teatrale si concluderà, come di consueto, con il Festival Il Teatro dei Ragazzi. Una manifestazione organizzata in collaborazione con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus che vedrà il teatro monopolizzato da una marea di ragazzi che, dopo un lavoro di allestimento durato tutto l’anno scolastico, avranno l’opportunità di recitare in un “vero teatro” davanti a una platea gremita al mattino dai compagni di scuola e, di sera, da un pubblico di amici e parenti, ma non solo. La manifestazione, giunta alla XXIII edizione, si svolgerà dal 7 al 26 maggio. Si conferma anche quest’anno il Memorial “Il Teatro dei Ragazzi” dedicato a Dino Lavagna a cui possono partecipare tutte le scuole che sono inserite nel festival.

 

Ancora non definita nei contenuti, ma sicuramente riconfermata, la rassegna più giovane del Teatro Sociale G. Busca: Estate a teatro. Giunta alla sua quarta edizione allieterà le calde serate estive con spettacoli presentati nell’arena estiva Guido Sacerdote.

 

 

X