dal PiemonteScuola

Il saluto della Regione per l’inizio del nuovo anno scolastico

I componenti della Giunta regionale hanno presenziato in varie scuole del Piemonte e hanno portato il saluto della Regione agli studenti, ai docenti e al personale amministrativo per l’inizio dell’anno scolastico.

Il Presidente, dopo la prima tappa da papà per accompagnare sua figlia a scuola, ha inaugurato l’anno scolastico dalla scuola materna di Campiglione Fenile (TO), per poi spostarsi nella scuola primaria di Cumiana e nella scuola ospedaliera dell’Ospedale Regina Margherita di Torino. L’Assessore all’Istruzione si è recata nella scuola primaria Grumo Cridis di Biella, il Vicepresidente nella scuola Vicari di Castagnole delle Lanze (AT), l’Assessore all’Ambiente nella scuola primaria Levi di Novara, l’Assessore alla Sanità nella secondaria di Santo Stefano Belbo, l’Assessore all’Agricoltura nell’Istituto Agrario di Rosignano Monferrato (AL), l’Assessore alla Cultura nella scuola De Amicis di Alessandria, l’Assessore ai Trasporti nelle scuole dell’infanzia e primaria di Bubbio (AT), l’Assessore alle Politiche sociali nella scuola primaria De Amicis di Biella, l’Assessore alla Semplificazione nella scuola primaria di frazione Marocchi di Poirino.

Nei commenti rilasciati in mattinata, il Presidente ha sottolineato innanzitutto che oggi è il momento della vera ripartenza. Ha inoltre spiegato che l’ordinanza che chiede alle scuole di verificare che la temperatura sia stata effettivamente rilevata dalle famiglie, come previsto dalle disposizione statali, è in vigore e tutto sta funzionando bene, a riprova che l’operazione è più facile di quanto temuto dal ministero e che in Piemonte presidi, insegnanti e personale scolastico si dimostrano di gran lunga più efficienti di chi governa la scuola a livello nazionale. Il Presidente ha ribadito che in un Paese normale la febbre la misura la scuola, mentre il Governo che ha imposto di verificare la temperatura dei dipendenti di fabbriche e uffici pubblici non lo ha fatto per i bambini, che sono soggetti delicati e che nel resto della loro giornata incontrano i nonni, che sono le persone più vulnerabili al Covid.

Di fronte alla possibilità che l’ordinanza regionale possa essere impugnata dal Governo il Presidente ha confermato l’intenzione di andare avanti, richiamando il soprannome storico dei piemontesi, definiti “bogia nen”: la Regione è convinta di essere nel giusto e non arretra di un passo, perché si tratta di una posizione condivisa dal mondo medico e pediatrico per la tutela della salute di ogni cittadino. Ha poi aggiunto che se l’ordinanza sarà impugnata, la Regione la difenderà nelle sedi opportune e ha ricordato le parole del Direttore dell’Ufficio scolastico regionale, che nelle scorse ore ha dichiarato alla stampa che la scuola in Piemonte parte con 20.000 posti dell’organico da coprire. Una criticità che riguarda soprattutto gli insegnanti di sostegno e che nell’anno del Covid è ingiustificabile, perché ci sono stati mesi di tempo per risolvere quella che doveva essere una priorità e che quest’anno non è solo un problema di didattica, ma anche di sicurezza sanitaria.

Sul tema della misurazione della temperatura è intervenuta anche l’Assessore all’Istruzione, dichiarando che l’ordinanza del Piemonte è di buon senso e che vuole garantire la massima sicurezza in classe. Quindi il fatto che i genitori misurino la temperatura già a casa come previsto dallo Stato, ma che poi le scuole verifichino che sia stato veramente fatto come richiesto dalla Regione, è una precauzione fondamentale per far funzionare la scuola.

Mostra altri

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Apri chat