BRAAttualità

Il refettorio della Primaria “Montalcini” potrebbe allargarsi chiudendo l’attuale porticato

Ma è un “piano B” se non dovessero arrivare gli 1,5 milioni dal Pnrr

Una sorta di “piano B” per dare più spazio al plesso della Primaria “Rita Levi Montalcini”. E’ stato approvato martedì scorso dalla Giunta comunale di Bra a livello di studio di fattibilità. Ipotizza la chiusura del porticato che dà sul cortile di questo complesso, sull’ala accanto all’ex palazzo nobiliare affacciata al civico 200 di via Vittorio Emanuele II. Qui si allargherebbe il refettorio con una spesa abbordabile, 130mila euro la stima. Ma solo «se non otterremo dallo Stato il circa milione e mezzo che abbiamo chiesto per un generale recupero e messa in sicurezza di tutta la struttura», precisa l’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Messa. Questo è atteso da lustri anche per migliorare l’estetica di un complesso centralissimo in città, sede della direzione didattica dell’Istituto comprensivo Bra 1 e che versa in condizioni non proprio brillanti. I soldi, rispetto a quanto auspicato rispetto all’istanza inoltrata a Roma, dovrebbero arrivare dalla distribuzione territoriale dei prestiti dell’Unione Europa nell’ambito del Pnrr. Oppure, altro bando a cui si è iscritta Bra giocando su più fronti pur di portare a casa un risultato, dalla Regione Piemonte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button