Il Presidente Rasero riceve in Provincia di Asti una delegazione degli Agricoltori Autonomi

0
37

Una delegazione del collettivo Agricoltori Autonomi è stata ricevuta, martedì 20 febbraio 2024, in Sala Giunta della Provincia di Asti dal Presidente della Provincia e Sindaco della Città di Asti Maurizio Rasero alla presenza dei Consiglieri provinciali Luigi Gallareto, Andrea Gamba Mario Malandrone.

 

Il collettivo ha raccolto in un manifesto, consegnato al Presidente Rasero, le problematiche del comparto agricolo.


Il commento del Presidente Maurizio Rasero

Al termine dell’incontro con gli Agricoltori Autonomi il Presidente Rasero ha espresso il suo punto di vista sulle proteste: «Esprimo la mia vicinanza e quella delle istituzioni che rappresento in merito alle rivendicazioni, che sono sacrosante e accoglibili nella loro quasi totalità, portate avanti dagli agricoltori. Ho avuto modo di riceverli con il consiglio provinciale e ringraziarli sul come hanno saputo manifestare compostamente e per metterci a loro completa disposizione negli ambiti di nostra competenza. Il comparto agricolo è il cuore pulsante del tessuto economico provinciale e non scopriamo di certo oggi le grandi difficoltà che stanno affrontando le nostre aziende. Ricordo e rivendico la richiesta di sospensione del pagamento delle rate dei mutui avanzata, lo scorso novembre, al Ministro Francesco Lollobrigida (vedi:Cambiamenti climatici e agricoltura in crisi: il Presidente Rasero scrive al Ministro Lollobrigida per chiedere la sospensione del pagamento delle rate dei mutui https://www.provincia.asti.it/it/news/cambiamenti-climatici-e-agricoltura-in-crisi-il-presidente-rasero-scrive-al-ministro-lollobrigida-per-chiedere-la-sospensione-delle-rate-dei-mutui). La Provincia di Asti, come detto, nel perimetro delle sue competenze e di concerto con la Prefettura di Asti, cercherà di far sentire la voce della protesta anche a Roma e, di rimando, in Europa. Anticipo che, a breve, convocheremo un consiglio provinciale per ragionare sul documento che ci hanno consegnato».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui