More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Il Piemonte protagonista della XVI Giornata Nazionale SLA

    spot_imgspot_img

    Nell’anno del 40° anniversario di AISLA, la XVI edizione della Giornata Nazionale SLA, organizzata e promossa da AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, è un’incredibile maratona di iniziative che percorre tutto il Paese. E proprio nella regione in cui fu fondata l’associazione dalla volontà delle famiglie, a Novara, si diramano le iniziative solidali e i banchetti in piazza.

     

    La storica alleanza con le Istituzioni piemontesi fa della Giornata Nazionale un appuntamento atteso per l’iniziativa “Un contributo versato con gusto”, la campagna di raccolti fondi il cui ricavato sostiene dal 2007. “Un contributo versato con gusto. La Regione Piemonte anche per il 2023 è orgogliosa di sostenere la Giornata nazionale SLA e le iniziative collegate – ha dichiarato Fabio Carosso, vice Presidente della Regione Piemonte che continua – Con altre istituzioni siamo a fianco di un’eccellenza del nostro territorio come la Barbera d’Asti DOC e DOCG per sottolineare l’importanza della ricerca e sensibilizzare le persone nei confronti di una malattia neurodegenerativa per la quale attualmente non esistono cure e la necessità di poter dare risposte concrete ai bisogni dei pazienti e delle loro famiglie.”

     

    Nata per ricordare il primo sit-in dei malati SLA in Piazza Bocca della Verità a Roma, l’edizione 2023 è l’occasione per promuovere iniziative solidali, rinnovare l’attenzione dell’opinione pubblica, delle Autorità politiche, sanitarie e socioassistenziali sui bisogni di cura e di assistenza dei malati SLA. La Sclerosi Laterale Amiotrofica è una malattia neurodegenerativa che provoca una paralisi progressiva dei muscoli volontari, per cui non esiste ancora una cura definitiva. Basti pensare che in Piemonte sono più di 475 le famiglie che lottano contro questa malattiaSotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la Giornata Nazionale SLA unisce il Paese per promuovere i diritti delle persone con questa malattia, la ricerca scientifica e l’assistenza.

     

    Mario Sacco, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti: ”La Fondazione Cassa di Risparmio di Asti è partner di AISLA fin dalla prima edizione della Giornata Nazionale sostenendo la raccolta fondi a favore dei numerosi progetti di assistenza e ricerca che vengono realizzati per i malati di SLA, oltre a dare il proprio aiuto al comitato locale per supportare le famiglie dei malati, perché non dobbiamo dimenticare che dietro ad ogni malato vi è una famiglia da aiutare in molteplici aspetti: economici, assistenziali, logistici e pratici, ma anche con un sostegno emotivo e psicologico, in modo da non farli mai sentire abbandonati a se stessi.”

    Al dare il via alle celebrazioni, sabato 16 settembre al calar del sole, grazie al patrocinio di ANCI, 4 i “comuni illuminati” che in Piemonte aderiranno all’iniziativa di AISLA “Coloriamo l’Italia di Verde”. Illuminazione a zero impatto energetico, con veline o gelatine colorate applicate sulle luci principali dei monumenti italiani, per un appuntamento consolidato che rappresenta la testimonianza di resilienza e determinazione delle famiglie che lottano con la malattia. Dai 137 metri d’altezza della Mole Antonelliana di Torino alla meravigliosa Cupola di S. Gaudenzio a Novara, dal Municipio di Asti al Palazzo Comunale di Cavagnolo. Una Vigilia di speranza per una comunità che non smette mai di credere nella possibilità di una cura per la SLA.

    Sosteniamo da diversi anni la Giornata Nazionale SLA: un momento di confronto e di sensibilizzazione organizzato dall’AISLA – Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica per parlare di una malattia neurodegenerativa progressiva che colpisce le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale, impedendo così i movimenti della muscolatura volontaria. Essere impegnati nel sostenere questa Giornata ci permette di contribuire all’attività filantropica e di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dei malati e delle loro famiglie. La Barbera d’Asti continuerà ad essere l’ambasciatrice di questo messaggio di solidarietà sia valorizzando i prodotti del nostro territorio che contribuendo alla raccolta fondi nelle principali piazze del nostro Paese, tra cui quella di Asticommenta il Presidente della Camera di commercio di Alessandria-Asti, Gian Paolo Coscia.

    L’appuntamento, il 17 settembre, è nelle piazze per essere al fianco delle famiglie. Ad Asti, in Piazza San Secondo, a Novara in Via Rosselli, a Torino in Via Garibaldi con il supporto dei Rotaract Club Torino, Torino sud e sud ovest, Torino Ovest e Settimo Torinese, storico partner dell’Associazione, a Cuneo in Corso Nizza, a Boves in Piazza dell’Olmo, a Saluzzo Corso Italia, a Villafalletto in Piazza Mazzini; a Biella, il Pray con la manifestazione “in vetrina” lungo le vie del paese. Ci sono alcuni postici per le prime due domeniche di ottobre ad Alba: il 1° ottobre in Via Cavour e l’8 ottobre in Piazza Duomo.

    Il Presidente Unione Industriale della Provincia di Asti, Geom. Andrea Amalberto dichiara: “Sono ormai diversi anni che l’Unione Industriale della Provincia di Asti sostiene con convinzione AISLA ed i suoi progetti. Anche per la Giornata Nazionale SLA 2023 non abbiamo voluto far mancare il nostro appoggio, convinti della necessità di fornire un esempio tangibile del senso di responsabilità nei confronti del nostro territorio e delle persone che purtroppo sono costrette a vivere uno stato di sofferenza a causa della malattia. Promuovere un progetto di solidarietà così importante attraverso un prodotto di eccellenza del nostro territorio, quale il vino, son certo sia inoltre una garanzia per la riuscita di questa iniziativa che siamo orgogliosi di continuare a sostenere”.

    Per contribuire a questa iniziativa, con una donazione di soli 10 euro, sarà possibile aggiudicarsi una pregiata Barbera d’Asti DOCG. Grazie ai partner storici di AISLA, tra cui la Regione Piemonte, il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, la Camera di Commercio di Alessandria-Asti, la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, l’Unione Industriale della Provincia di Asti e Visit Piemonte. Inoltre, la Fondazione Mediolanum si è impegnata a raddoppiare i primi 50.000 euro raccolti, coinvolgendo i Family Banker di Banca Mediolanum nella promozione dell’iniziativa.

    “Uno dei più grandi vini della nostra Regione, per un giorno, in 150 piazze d’Italia per fare del bene – afferma il presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, Vitaliano Maccario – Il vino più rappresentativo del Piemonte sposa nuovamente la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per assistere i malati di SLA. Le aziende consorziate hanno donato oltre 22.000 bottiglie di pregiate tipologie di Barbera d’Asti, per aiutare centinaia di famiglie italiane e supportare il prezioso impegno quotidiano di AISLA. Il nostro è un piccolo gesto di contributo alla campagna nazionale, reso possibile grazie alla generosità dei nostri produttori, che ringrazio insieme ad altri partner che stanno collaborando all’iniziativa”. 

    La Regione Piemonte insieme a Visit Piemonte è a fianco di Aisla in questa importante iniziativa nazionale di solidarietà e rinnova il sostegno nell’anno in cui si celebrano i 40 anni dell’Associazione per un appuntamento reso possibile grazie al Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato, gli enti del territorio di Asti e Alessandria e le fondazioni bancarie. Sono lieto di constatare che siano aumentati i produttori che scelgono di prendere parte all’iniziativa con le bottiglie di Barbera d’Asti Docg, il vino tra i maggiori rappresentanti della produzione vitivinicola eccellente del Piemonte. Un grazie, inoltre, ai tanti volontari che saranno presenti nelle piazze italiane per la raccolta fondi necessaria per aiutare concretamente le persone colpite dalla sclerosi laterale amiotrofica”, conclude l’Assessore all’Agricoltura e Cibo della Regione Piemonte, Marco Protopapa.

    La SLA è una malattia che modifica profondamente la vita delle persone colpite. Contribuire alla Giornata Nazionale SLA non significa solo donare, ma rappresenta un gesto concreto di generosità di un Paese che si prende cura dei suoi cittadini più fragili. Sono tanti i gesti, grandi e piccoli, che, uniti insieme, possono fare la differenza.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio