dal PiemonteAttualità

Il Piemonte è la prima regione con l’albo degli amministratori condominio

Il Piemonte è la prima regione in Italia a dotarsi d’una legge che prevede l’elenco degli amministratori di condominio. Il testo, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale, prevede appunto l’istituzione di un elenco regionale, al fine di garantire ed attestare la professionalità e l’onorabilità dei soggetti che svolgono, in forma singola o associata l’attività di amministratore di stabili.

La consigliera di Forza Italia, prima firmataria del provvedimento e relatrice di maggioranza, ha sottolineato come questo elenco abbia finalità solo conoscitive, al fine di garantire maggiore trasparenza per i cittadini e per coloro che svolgono l’attività di amministratore di condominio.

Tra i relatori di minoranza, il capogruppo dei Moderati ha rimarcato la bontà del testo, perché grazie a questi elenchi, i cittadini avranno la possibilità di scegliere professionisti anche con capacità di mediazione nei tanti conflitti che nascono spesso tra i condomini. La consigliera del Partito democratico ha presentato un emendamento che prevede che negli elenchi siano pubblicati titolo di studio e formazione professionale degli amministratori, approvato all’unanimità.

L’azione degli amministratori condominiali in Italia è regolata dal Codice civile e dalla legge nazionale 220 del 2012. L’elenco regionale fornirà una maggiore conoscibilità e trasparenza dell’operato dell’amministratore, ampliando in capo ai condomini la possibilità di controllo della sua attività, che nel corso degli anni ha visto accrescere nuove incombenze a cominciare da quelle in materia fiscale, per cui sono richieste competenze altamente professionali e sono necessari continui aggiornamenti formativi. L’iscrizione all’elenco non è comunque obbligatoria e non pregiudica lo svolgimento dell’attività professionale.

 

 

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button