Il paese aderisce al progetto di cardio-protezione

Il paese aderisce al progetto di cardio-protezione

Cossano Belbo è il primo Comune della provincia di Cuneo, il secondo in Piemonte dopo Acqui Terme, ad aderire al progetto di cardio-protezione per ridurre i tempi d’intervento in caso d’infarto.

Il progetto di Area cardio-protetta è stato presentato a Santo Stefano Belbo ed è stato subito condiviso dall’Amministrazione comunale di Mauro Noè. Ideato dall’associazione FormInLife, permette di conoscere con precisione l’ubicazione dei defibrillatori semiautomatici più vicini, gli orari nei quali sono disponibili qualora custoditi in luoghi non pubblici e garantire al Comune un adeguato supporto alle manutenzioni delle apparecchiature.

L’Amministrazione di Cossano Belbo ha localizzato i propri defibrillatori e presto individuerà tutti i privati che ne possiedono uno per procedere alla loro mappatura. Le prossime fasi del progetto porteranno a una maggiore informazione e formazione della popolazione. «L’obiettivo è quello di realizzare una vera e propria rete salvavita a disposizione di tutti i 952 cossanesi, ma anche di coloro che lavorano nelle 19 aziende presenti sul territorio, di chi frequenta i nostri ristoranti, le aree sportive o soggiorna nelle sette strutture ricettive. Cossano Belbo è orgoglioso di essere il primo della provincia di Cuneo a dare l’esempio, perché la cardio-protezione deve riguardare un’area vasta e non limitarsi a un singolo paese» – dice Noè.

Ti potrebbero interessare anche: