BRAAttualità

Il lupo è tornato tra noi: presenza che inquieta e affascina al contempo

BRA – Il lupo, splendido animale da tutelare ma anche feroce predatore e incubo degli allevatori. Alla figura di questo animale, tra i più favoleggiati dalla cultura popolare e studiati dai ricercatori, sarà dedicata la serata organizzata dal Museo civico di storia naturale “Craveri” di Bra. L’iniziativa è stata promossa in collaborazione con l’Università degli studi di Torino e il Parco naturale delle Alpi Marittime. Appuntamento il prossimo lunedì 5 dicembre alle ore 21 nella saletta del centro polifunzionale “Giovanni Arpino” con ingresso da largo della Resistenza. Titolo della serata, di rilievo specialistico ma adatta al pubblico anche meno avvezzo, è “Il ritorno naturale del lupo in collina e in pianura. Tra scienza e leggenda”. Sul palco dei relatori ci saranno: Marta De Biaggi, responsabile della comunicazione del progetto Life WolfAlps Eu che si propone di migliorare la coesistenza fra i selvatici e le persone che vivono e lavorano sulle Alpi; Arianna Menzano (del Centro grandi carnivori Progetto Life WolfAlps Eu); Giovanni Ercole e Bruno Tibaldi, entrambi veterinari della nostra Asl Cn2. Ormai da qualche anno la presenza dei lupi è stata confermata anche attorno a Bra, a Cherasco e nel Roero. In particolare qui, nella confinante Pocapaglia, sono stati segnalati attacchi ad allevamenti e avvistamenti filmati con foto-trappole collocate nei boschi tra le rocche.  L’ingresso del pubblico alla serata al centro polifunzionale sarà libero e gratuito.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button