More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Il Comune di Roddi va contro i nuovi limiti ai campi magnetici

    spot_imgspot_img

    Alla fine di maggio la Giunta comunale di Roddi, guidata dal sindaco Roberto Davico, si è espressa in maniera netta contro l’aumento dei limiti relativi ai campi elettromagnetici dalle antenne. A Roddi c’è un sito principale per le antenne in località Ravinali con le strutture di 4 gestori. La legislazione del 2003 fissava il livello di attenzione a 6 v/m per le frequenze 100 KHz-300 Ghz, un limite che era stato stabilito come ragionevole compromesso “tra il principio di precauzione e le esigenze tecniche”. Questo fino alla fine dello scorso anno, quando è stata approvata una legge che prevede l’innalzamento del limite, portandolo a 15 V/m, più del doppio.

    Alla data odierna questo nuovo limite è stato effettivamente innalzato. Il tema è stato illustrato alla cittadinanza in un incontro a inizio anno, in seguito al quale è nato un “Comitato Spontaneo Salute Roddi”. Questo ha presentato due istanze al sindaco e al Consiglio comunale. Uno il 28 aprile, in cui si chiedeva agli operatori una perizia che garantisse la non pericolosità dei valori di campo elettromagnetico ai limiti di legge attuali e un altra il 10 maggio rammentava al sindaco e al Consiglio la responsabilità istituzionale sulla salvaguardia della salute dei cittadini.

    Il Comune però non può incidere sui limiti di esposizioni ed è di competenza regionale il rilascio di autorizzazioni agli impianti. Per cui la Giunta ha assunto una “presa di posizione politica al fine di sensibilizzare i rappresentanti degli organi legislativi sulle preoccupazioni espresse dalla cittadinanza”. La delibera afferma “il proprio fermo disaccordo circa l’avvenuto aumento del valore di attenzione dei campi elettromagnetici da 6 V/m a 15 V/m e la propria decisa opposizione a qualsivoglia nuovo aumento dei limiti dei campi elettromagnetici”. Richiede all’Arpa Piemonte di effettuare monitoraggi per il controllo dei livelli di esposizione ai campi elettromagnetici e di informare sui risultati il Comune. La delibera è stata inviata all’Unione, all’Arpa, all’Asl, all’Anci e all’Anpci.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio