LANGA DEL BAROLOLANGHENovelloAttualità

Il Centro recupero ricci di Novello in aiuto della delfina Kasya

Kasya, che rischiava di morire sola nel delfinario chiuso di Teheran, è ora con i suoi simili nel Kish Dolphin Park

Kasya, la delfina che stava morendo di solitudine nel Milad Tower’s Dolphinarium di Teheran ormai dismesso, è giunta nella  sua nuova casa, il Kish Dolphin Park, a Kish Island, al largo della costa meridionale dell’Iran, nel Golfo Persico.

Al termine di un anno di sforzi titanici, mediazioni e tentativi andati a vuoto, dopo una petizione su Change.org, promossa da Thomas Moreau di YouCare France, e raccolte fondi a livello internazionale, finalmente Kasya è in salvo.

Il merito di questo risultato va all’energia del veterinario Massimo Vacchetta, del Centro recupero ricci La Ninna (di Novello, CN), noto per il suo impegno a protezione dei ricci e dell’ambiente, alla volontà di Carmen Aiello dell’associazione Salviamo gli Orsi della luna; alla disponibilità del veterinario iraniano Amir Shirazin, direttore dell’Iran Caspian Seal Conservation Center; all’abnegazione del veterinario russo Ivan Zatsepilov, che si è preso cura della delfina, all’interno della struttura di Teheran; alla preparazione del veterinario italiano Marco Campolo e del collega spagnolo Manuel Garcia Hartmannche hanno dato il loro importante contribuito e continueranno a occuparsi di Kasya a Kish Island; all’attenzione  del Consolato iraniano a Milano, nelle persone del diplomatico Daryoush Sowlat e del segretario Mohammad  Siahjani; all’impegno della famosissima attrice iraniana Mitra Hajjar, all’efficienza delle volontarie italiane Silvia Bianco, Emanuela Novati e dell’attivista russa Venera Gumerova, alla collaborazione del proprietario Homayonreza Shahbazkia.

 

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button