Il 17enne sommarivese «terrore dei treni», di nuovo fermato per rapina

E’ recidivo il 17enne fermato sabato dalla Polfer a Carmagnola (To) e accusato dell’ennesima rapina sul treno Torino-Cuneo in complicità con un 22enne di origini marocchine residente Fossano.

I due avevano terrorizzato e spogliato di felpa, sacca sportiva e una manciata di euro un ragazzino che hanno pure brutalizzato. Poi il tentativo di darsi alla fuga in stazione, dove sono intervenuti gli agenti della Polizia ferroviaria. Il maggiorenne è risultato avere con sé anche un telefono cellulare risultato rubato poche ore prima, sempre su un convoglio questa volta della linea “metropolitana” per Bra. E’ stato condotto in carcere. Il minore, invece, ri-affidato alla madre dopo che l’anno scorso era stato rinchiuso per un periodo al riformatorio “Ferrante Aporti” perché accusato di almeno 17 episodi tra sottrazioni di beni, aggressioni e minacce. Tutti reati compiuti sui vagoni ferroviari ai danni di donne, giovani e anziani. A inchiodare il sommarivese «terrore dei treni» furono le riprese delle videocamere di sorveglianza.

X