Dal CuneeseAttualità

Ieri a Scarnafigi la premiazione del Concorso Presepi Casa Mia è aperta

Si è svolta domenica 19 dicembre alle ore 15.30 presso la ex-Confraternita Santa Croce, Punto Multimediale Octavia, di Scarnafigi la premiazione della terza edizione del concorso di presepi Casa Mia è Aperta/Mia Ca l’e Duverta, che ha visto la partecipazione di 72 presepi realizzati da privati cittadini, asili e scuole, parrocchie, gruppi catechismo dei diciassette comuni di Octavia.
Polonghera è il comune con il maggior numero di presepi in concorso (20), seguito da Moretta (16) e Revello (12). Dopo una prima selezione a livello comunale la giuria di Octavia ha valutato i presepi segnalati secondo i criteri di creatività e valore artistico, capacità artigianali, espressività dei contenuti e originalità decretando i tre presepi premiati e sette menzioni speciali per particolari motivi.

Al primo posto si è classificato il presepe realizzato dall’Associazione Amici del Maira di Villafalletto, per il grande impatto scenografico e la rappresentazione della «Magia del Natale» che ha ricevuto un cesto di prodotti De.Co. di Revello. Secondo posto per Luciano Rosso di Moretta, per la tradizione e tecnica artigianale, in particolare per la valorizzazione di elementi architettonici e produttivi delle Terre di Mezzo, che ha ricevuto un cesto di prodotti del Caseificio Quaglia di Scarnafigi, mentre in terza posizione si è piazzata Paola Bainotti di Polonghera, per l’originalità e l’uso di materiali poveri nella rappresentazione della natività, che ha ricevuto i prodotti di Cascina Millone di Scarnafigi.
Queste le menzioni speciali assegnate, che hanno ricevuto un panettone di Albertengo di Torre San Giorgio accompagnato da alcune pubblicazioni dei Comuni di Octavia e del Parco del Monviso: per l’assoluta bellezza alla Scuola dell’Infanzia di Revello, Creatività alla Scuola dell’infanzia di Envie a Revello, Vita nuova alla Scuola Primaria di Torre San Giorgio, Tradizione alla Parrocchia Maria Vergine Assunta di Scarnafigi, Tradizione alla Famiglia Colombatto di Polonghera, Storia e turismo agli Amici del Presepe di Villanova Solaro e Scenografia al Santuario Madonna del Lago di Faule.

Inoltre, per Paolo Cravero, vincitore della prima edizione e menzione speciale nella seconda, è stato possibile esporre e spiegare i propri presepi all’interno del Punto Multimediale Octavia.
«Ringrazio per questo concorso che ogni anno mi permette di tornare bambino, quando l’otto dicembre, con il papà e la mamma, si raccoglieva il muschio e si preparava il presepe. – spiega Paolo Cravero, ideatore dei tre presepi sull’evoluzione dell’Associazione Octavia – I tre presepi di queste tre edizioni, se lasciamo un attimo da parte l’aspetto sacro e ci rivolgiamo all’associazione Octavia, ben rappresentano l’evoluzione dell’associazione di piccoli comuni.
Nel primo presepe, benché sia una bella forma geometrica (un fiore), i paesi di Octavia vengono rappresentati come dei satelliti, ognuno con la propria identità rappresentata dai colori e dalle forme diversi. Questi, attraverso delle strade, si avvicinavano, per contemplare la nascita di Gesù, mantenendo intatta la propria identità.
Nel secondo presepe la forma è diventato un cerchio contenuta in un triangolo. Ognuno ha sempre la propria identità in funzione al numero di abitanti e ognuno offre il suo contributo per qualcosa di importante, in questo caso la nascita di Gesù. Al centro, inoltre, Maria e Giuseppe, costruiti con i tasselli dei comuni, perdono una parte del loro colore. Perdono una parte della loro identità per unirsi e fare qualcosa di importante insieme.
Per fare qualcosa di importante ci vuole anche sacrificio a favore degli altri e perdere un po’ della propria identità, non bisogna essere troppo individualisti perché il Presepe può rompersi, ci sono tanti pezzi, tutti bellissimi, ma il risultato finale è caotico e pari a zero.
Nel presepe del terzo anno, infine, le persone sono già tutte in cerchio, hanno già compiuto il primo passo e con le spalle sorreggono una struttura importante, che è già stata creata con un sacrificio, e con la testa ammirano ciò che è contenuta in questa piramide, che è estremamente importante, la nascita di Gesù».

Inoltre, l’obiettivo del concorso è anche quello di realizzare un circuito diffuso di presepi sul territorio dei 17 Comuni di Octavia, coinvolgendo cittadini, associazioni ed enti del territorio. Promuovere lo spirito di condivisione e apertura, stimolando la presenza sul territorio dei piccoli comuni di Octavia nel periodo delle feste natalizie.
Per questo motivo, a tutti i presepi partecipanti al Concorso era stato richiesto, in fase di iscrizione, un orario di apertura al pubblico. Nell’applicazione per dispositivi iOS e Android “VisitOctavia”, alla sezione Eventi, sarà fruibile a partire dal 24 dicembre la mappa di tutti i presepi presenti al concorso. Ogni presepe avrà la sua scheda sull’applicazione dove sarà possibile conoscere la descrizione, il luogo e gli orari di visita.
Le informazioni saranno inoltre consultabili sul sito www.associazioneoctavia.com e sulle pagine social ufficiali Associazione Octavia.

“Davanti al presepe, la mente va volentieri a quando si era bambini e con impazienza si aspettava il tempo per iniziare a costruirlo. Questi ricordi ci inducono a prendere sempre nuovamente coscienza del grande dono che ci è stato fatto trasmettendoci la fede; e al tempo stesso ci fanno sentire il dovere e la gioia di far partecipare ai figli e ai nipoti la stessa esperienza”. Papa Francesco Lettera Apostolica “Admirabile signum”.

STATISTICHE DEL CONCORSO:
PRESEPI IN CONCORSO (72 totali): Faule: 4, Lagnasco: 1, Manta: 1, Moretta: 16, Murello: 2, Polonghera: 20, Revello: 12, Ruffia: 1, Scarnafigi: 2, Torre San Giorgio: 6, Villafalletto: 1, Villanova Solaro: 3, Vottignasco: 3

TUTTI I PREMIATI E LE MENZIONI:
PRIMO POSTO: Associazione Amici del Maira di Villafalletto, per il grande impatto scenografico e la rappresentazione della «Magia del Natale».
SECONDO POSTO: Luciano Rosso di Moretta, per la tradizione e tecnica artigianale, in particolare per la valorizzazione di elementi architettonici e produttivi delle Terre di Mezzo.
TERZO POSTO: Paola Bainotti di Polonghera, per l’originalità e l’uso di materiali poveri nella rappresentazione della natività.

MENZIONE SPECIALE: Menzione per l’assoluta bellezza dell’opera. Un progetto composito che unisce l’abilità artigianale e artistica con la multimedialità alla Scuola dell’Infanzia di Revello.
MENZIONE «Creatività»: Menzione per l’utilizzo di materiali poveri e il lavoro di gruppo per creare una piccola opera d’arte alla Scuola dell’infanzia di Envie a Revello.
MENZIONE «Vita nuova»: Menzione per l’utilizzo di materiali di riciclo che rinascono e diventano elementi artistici alla Scuola Primaria di Torre San Giorgio.
MENZIONE «Tradizione»: Menzione per la cura e la ricchezza dei dettagli del paesaggio che abbraccia la natività alla Parrocchia Maria Vergine Assunta di Scarnafigi.
MENZIONE «Tradizione»: Menzione per il più curato presepe tradizionale, realizzato con grande attenzione e artigianalità, in particolare per l’uso di statuine artigianali alla Famiglia Colombatto di Polonghera.
MENZIONE «Storia e turismo»: Menzione per i 35 anni del Presepe Meccanico di Villanova Solaro, grande attrattore turistico ed eccellenza culturale del territorio di Octavia agli Amici del Presepe di Villanova Solaro.
MENZIONE «Scenografia»: Menzione per un presepe dal grande impatto visivo, che dialoga perfettamente con lo spazio artistico che lo ospita al Santuario Madonna del Lago di Faule.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button