More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    I visitatori a Bra non crescono Il Comune: un dato di sistema

    spot_imgspot_img

    Lo sviluppo turistico a Bra segna il passo, lo sostiene Forza Italia. Il partito di Berlusconi – che non ha avuto eletti alle ultime amministrative e pare già in campagna per le prossime previste nel 2024 –, ha inviato ai giornali un comunicato in cui commenta i dati su afflussi e presenze di visitatori nel 2022 sotto la Zizzola. A suo giudizio, denoterebbero un «andamento lento» della nostra città in questo importante settore economico di Langhe e Roero. «Le 70mila presenze registrate sono ormai da almeno 8-9 anni un obiettivo raggiunto oltre il quale non si apprezzano sensibili mutamenti», si legge nella nota firmata dal coordinatore Francesco Racca e dall’addetto stampa Paolo Bulgarini. Mentre ad «Alba, Cuneo e Saluzzo, con condizioni di rap­­porto potenziale tra strutture ricettive analoghe a quelle del decennio precedente, s’è notato un visibile incremento».

     

    Una notte e via

    Ancora e sempre sulla nostra località: «Altro dato da analizzare in modo specifico è la discesa al di sotto del valore 2 dell’indice Tmp, tempo medio di permanenza dei turisti, fermo al di sotto dei due giorni in lenta ma purtroppo costante decrescita». Forza Italia termina invitando «chi amministra a fare di più» soprattutto «sul fronte del supporto infrastrutturale e di accessibilità alla città, che paga ancora molto ritardo rispetto a tante “sorelle” della Granda». Abbiamo chiesto una risposta all’assessore delegato al Turismo, il vicesindaco Biagio Conterno (Pd). «Stiamo valutando – ci ha detto il prof. Conterno –  i dati relativi a Bra, ma ci preme sottolineare che ormai da anni le politiche del turismo sono gestite in un ambito territoriale che ha nell’Atl Langhe Roero e Monferrato l’ente operativo. Non possiamo prescindere da una visione ampia e sinergica, in cui le presenze e i pernottamenti superano i confini dei comuni e rispondono a una regìa di accoglienza e ricettività che premia il sistema e la capacità di fare rete. In questo sistema la nostra città è pienamente inserita e parte integrante da decenni». Il vicesindaco conclude aggiungendo una constatazione non riportata dai forzisti: «Bra è la terza città della nostra provincia dopo Alba e Cuneo per presenze turistiche, da rilevazioni ufficiali fonte Ascom e Atl».

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio