I campi cuneesi benedicono il ritorno della neve

I campi cuneesi benedicono il ritorno della neve

Con la neve che dopo una lunga assenza è tornata a imbiancare tutta la provincia di Cuneo, anche i nostri agricoltori si sono mobilitati. I loro trattori a cui si sono affidati tanti Comuni, hanno lavorato sulle strade per spazzare e spargere sabbia e sale.

«I mezzi agricoli – evidenzia Coldiretti Cuneo – hanno operato non soltanto per consentire la circolazione in pianura, dove sono scesi dai 15 ai 30 centimetri di neve, ma anche per garantire l’agibilità delle vie in collina e montagna, evitando così l’isolamento delle case e delle azien­de collocate nelle aree più marginali». Una chiara dimostrazione che le aziende agricole, oltre a produrre le ben note eccellenze del Made in Cuneo a tavola, sono anche in prima linea a supporto dei cittadini.

Per l’agricoltura la nevicata non ha generato disagi. Anzi, dopo lunghe settimane di siccità e caldo anomalo, è stata una boccata di ossigeno. «Un toccasana – dichiarano i tecnici dell’Agenzia 4A di Coldiretti –, perché la neve tiene a riposo le piante, soprattutto le arboree, ritardando la primavera. Le temperature calde di inizio anno erano molto preoccupanti, l’esperienza insegna che le primavere troppo anticipate generano un rischio maggiore di gelate fuori stagione. Senza dimenticare che la neve d’inverno è una risorsa idrica indispensabile in vista dell’estate, non soltanto per l’agricoltura».

Contatta l'autore

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat
Powered by