More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Giro d’Italia al via, anche Bra si colora di rosa

    spot_img

    Scatta sabato il Giro d’Italia 2023. Ventuno tappe, quasi 3500 chilometri per incoronare domenica 28 maggio a Roma il vincitore della centoseiesima corsa rosa. Tre settimane di spettacolo puro per provare ad entrare nel mito in un’edizione che si annuncia dura e quasi tutta italiana. Una sola volta i 176 corridori usciranno dai confini del Bel Paese per approdare in Svizzera dove affronteranno il Col du Grand-Saint Bernard, cima Coppi con i suoi 2470 metri.

    Le tappe del Giro d’Italia, giovedì 18 maggio la corsa a Bra

    Si parte sabato 6 maggio da Fossacesia Marina con la cronometro di 18 chilometri che non sarà solo una semplice sgambata, la corsa contro il tempo darà già qualche indicazioni sullo stato dei pretendenti al titolo. Le due tappe successive saranno terra di conquista per i velocisti, la terza con arrivo a Melfi promette spettacolo nel finale, mentre il 9 maggio con il saliscendi di Venosa-Lago Laceno inizieranno le prime schermaglie tra gli uomini di classifica. La prima data davvero da circoletto rosso sarà quella del 12 maggio con l’arrivo in salita sul Gran Sasso, 26 chilometri con punte del 9% di pendenza. Due giorni dopo la cronometro con arrivo a Cesena tutta dedicata agli specialisti a cui seguirà il primo dei due giorni di riposo.

    Il 18 maggio sarà il grande giorno di Bra che accoglierà la partenza della tappa che arriverà fino a Rivoli dopo 179 chilometri e sarà il preambolo dei dieci giorni in cui si deciderà il Giro. La corsa rosa vedrà il gruppo muoversi tra Piazza Caduti della Libertà, Via Pollenzo, Via V.Emanuele II, via P.d.Piemonte e infine Via Vittorio Veneto. I corridori proseguiranno poi verso Rivoli con un percorso collinare per i primi 50 km, seguito da un tratto in pianura e infine negli ultimi 54 km la salita del Colle Braida a scremare il gruppo in vista del traguardo. Nove chilometri con punte fino al 12% di pendenza e una media del 7% che promettono scintille, con gli attaccanti che proveranno a fare la differenza e prendersi un vantaggio da mantenere poi nei restanti venti chilometri, non pochi, fino al traguardo. 

    Giro d’Italia, i favoriti della corsa rosa

    Dal 19 maggio si inizierà a fare sul serio con la tappa che prevede Cima Coppi e altre due dure ascese, due giorni dopo la Seregno-Bergamo a fare ancora selezione e i giorni successivi che saranno un continuo saliscendi con nove salite in due giornate e l’arrivo in salita sul Monte Bondone. I giorni decisivi per chi sarà riuscito a rimanere nel gruppo dei big saranno, come sempre, gli ultimi: il 25 maggio c’è la Oderzo-Val di Zoldo/Palafeva con il Coi che tocca il 20% di pendenza, il 26 le scalate sul Campolongo, Valparola, Giau, Tre Croci che faranno da antipasto agli ultimi durissimi chilometri sulle mitiche Tre Cime di Lavaredo. Infine il grande spettacolo della cronoscalata il giorno prima di consacrare il vincitore a Roma: 18 chilometri in solitaria tra Tarvisio e il Monte Lussari con gli ultimi sette ad un media del 15% e punte fino al 22%.

    Secondo i migliori bookmaker online italiani il Giro d’Italia 2023 sarà una questione a due tra Remco Evenpoel, fresco vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi, e Primoz Roglic che si è imposto alla Tirreno-Adriatica. Gli allibratori presenti nell’elenco di Wincomparator dicono che saranno loro a giocarsi la maglia rosa, con pochi outsider al via: Thomas, Hart, Almeida e chissà magari anche Damiano Caruso, secondo nel 2021, e unica speranza italiana dopo il forfait causa Covid di Giulio Ciccone.

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio