dal PiemonteAttualità

Giornata degli alberi: il Piemonte brilla per attenzione

In Piemonte, la superficie boschiva supera il milione di ettari. Negli ultimi 60 anni le superfici boscate del territorio subalpino sono aumentate dell’80%, arrivando ad occupare il 37% del territorio regionale, con 1 miliardo di alberi, 52 specie arboree e 40 specie arbustive.

«Si tratta di un patrimonio di biodiversità eccezionale che oltre a produrre legno valorizza il paesaggio e l’ambiente, contribuendo in modo determinante al sequestro dell’anidride carbonica e purificando l’aria». Lo ha detto in occasione della Giornata degli alberi Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte e della Federazione nazionale di prodotto delle risorse boschive di Confagricoltura. «Gli alberi forniscono ossigeno, proteggono il suolo, migliorano la qualità dell’aria e la vivibilità dei luoghi, svolgendo un ruolo fondamentale nella lotta al surriscaldamento globale».

«Riguardo ai boschi – afferma Allasia – occorre effettuare una riflessione che non si limiti alla valorizzazione del verde attraverso nuove piantagioni, ma ponga in evidenza una gestione oculata di questo patrimonio». Prosegue il presidente: «Dobbiamo lavorare sul riordino fondiario, sull’aggregazione, sulla pianificazione forestale che oggi coinvolge solo il 15% delle superfici e sulla formazione degli operatori che vi lavorano, per cercare di portare avanti questo concetto di valorizzazione del bosco non solo in termini di prodotto, ma anche di servizi ecosistemici».

 

Il bosco – ricorda Confagricoltura – copre circa il 30% dell’intero territorio nazionale (circa 11 milioni di ettari): con una selvicoltura efficiente, valorizzata e rafforzata soprattutto nelle aree montane, si potrebbe creare nuova ricchezza, occupazione e contrastare in modo efficace il cambiamento climatico e il dissesto idrogeologico.

«Se consideriamo che un cittadino consuma mediamente 167 kg all’anno di CO2 – conclude Allasia –, e che in Piemonte sono residenti circa 4,400 milioni di persone, all’anno dovremmo piantare 150 milioni di alberi per compensare l’emissione di CO2 dei singoli cittadini. La regione ha un buon patrimonio arboreo e una maggiore attenzione verso il patrimonio forestale potrà contribuire a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, sempre più evidenti».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button