More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Gelate tardive sulla Granda, agricoltori “scoperti” di polizze adeguate

    spot_img

    L’improvviso crollo delle temperature a cui stiamo assistendo in questi giorni, dopo un periodo di caldo anomalo per il mese di aprile, sta mettendo in seria apprensione gli agricoltori della Granda, in particolare i produttori del settore frutticolo, che per difendersi da eventuali gelate tardive hanno sempre più le “armi” spuntate, fa notare Confagricoltura Cuneo.

     

    “C’è molto allarme tra i produttori in quanto, oltre all’imprevedibilità del clima, quest’anno le aziende hanno dovuto fare i conti con forti ritardi da parte delle compagnie assicurative che hanno proposto un numero limitato di polizze per difendersi dal rischio gelo, soltanto a partire dal mese di marzo e con condizioni di premi e franchigie molto elevate. In questo modo, pochissimi imprenditori sono riusciti a sottoscriverle – sottolinea Roberto Abellonio, direttore di Confagricoltura Cuneo –. A ciò si aggiunge che le aziende stanno ancora aspettando i contributi statali delle assicurazioni agevolate per il 2022 e il 2023 e che il fondo mutualistico nazionale Agricat, nato proprio per tutelare da eventi atmosferici di natura catastrofale (gelo e brina, siccità, alluvione) non sta funzionando secondo le attese. In questo scenario, chiediamo urgentemente una profonda revisione del sistema assicurativo in agricoltura e, a fronte dell’impatto sempre più pesante del cambiamento climatico sulle imprese agricole, sollecitiamo l’Unione Europea a pensare a un “terzo pilastro” della Pac, quello della gestione comune dei rischi, rivedendo la dotazione e le modalità di funzionamento della vigente riserva di crisi della Pac”.

    Marco Bruna, segretario Confagricoltura delle zone di Saluzzo e Savigliano, a seguito di diversi sopralluoghi sul campo dichiara: “Le alte temperature degli scorsi giorni hanno generato un anticipo della fioritura di circa 10/15 giorni per tutte le principali specie da frutto del nostro territorio e la notte tra giovedì 18 e venerdì 19 aprile in tutto l’areale del Saluzzese si è temuto di rivivere lo spettro del 2021, quando una forte gelata aveva compromesso le produzioni frutticole, in piena fioritura, con danni irreparabili. Fortunatamente, tuttavia, la situazione dalle 23 circa in avanti è migliorata e non si è assistito al tanto temuto crollo notturno delle temperature, anche se precauzionalmente molte aziende hanno attivato gli impianti anti-brina che hanno scongiurato danni rilevanti. La speranza è che nei prossimi giorni non si verifichino nuovi episodi e con esiti peggiori”.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio