ALBALANGA DEL BAROLOBRALANGHEROEROVerduno

Fulvio Marino insegna a panificare per pazienti e degenti dell’ospedale Ferrero

Dal 14 marzo, il pane “fatto in Ospedale” nel Ferrero

VERDUNO – Con il primo lockdown del 2020, la panificazione è diventata una pratica di famiglia e di condivisione facendo tornare in voga una consuetudine casalinga un tempo comune. Il pane “fatto in casa” è divenuto, negli ultimi due anni, simbolo di cura e di attenzione.

Allo stesso modo, il pane “fatto in ospedale” è una delle coccole che i cuochi hanno pensato di donare ogni giorno a pazienti e dipendenti del nuovo Ospedale Ferrero. Un lavoro non da poco – all’interno della ridefinizione degli interi menu, con prodotti e preparazioni nuove più salutari, a km0 e stagionali – in una struttura che prepara e distribuisce oltre 1000 pasti giornalieri.

Nel percorso di ridefinizione e innovazione del processo pasto avviato grazie al progetto ABCIBI – Cibo e Salute in Ospedale – promosso dalla Fondazione Ospedale Alba-Bra Onlus con l’ASL CN2, grazie al contributo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, in collaborazione con la Regione Piemonte – il 14 marzo nelle cucine del Ferrero è stato avviato un corso di Panificazione condotto da Fulvio Marino, volto televisivo albese del programma E’ sempre mezzogiorno?

Volontario e Fornaio d’eccezione che ha messo a disposizione tempo e competenze per insegnare ai cuochi l’arte della Panificazione e portare sul vassoio di pazienti e dipendenti un cibo fondamentale: il Pane. Manualità, lievito madre e le farine del Mulino Marino di Cossano Belbo sono alla base della ricetta del pane che da martedì 15 marzo si può gustare nei menù della mensa, e in un prossimo futuro, anche dei reparti.

Pane: uno dei primi prodotti identificati come fondamenti del progetto in corso. Con olio Extravergine, Legumi, Frutta e Verdura. Veicoli di valori alla base della corretta alimentazione che stanno modificando gli acquisti e le preparazioni in ospedale.

“Sono molto felice di aver iniziato una collaborazione con l’ospedale e ringrazio la Fondazione per avermi coinvolto – dichiara Fulvio Marino – Collaborare per poter insegnare a fare il pane, che è un po’ il prodotto principe della tavola, quella cosa che ci fa sentire a casa. L’abbiamo visto in lockdown, quando ci siamo sentiti chiusi e abbiamo avuto delle incertezze, ci siamo un po’ attaccati al mondo del pane. Secondo me anche in ospedale, in cui si vivono situazioni non sempre felici, il fatto di trovare un pane buono e fatto bene – soprattutto sano, con prodotti del territorio – è importante. Fondamentale è la ricetta che ho studiato per l’ospedale, utilizzando delle farine integrali e semi integrali, con una lievitazione molto lunga e soprattutto una maturazione in frigorifero molto lunga per riuscire a rendere il pane ancora più digeribile, più gustoso e più profumato. In aggiunta, la scelta del lievito madre da una salubrità maggiore e rende il pane, oltre che più buono, più conservabile quindi con meno sprechi. E’ molto importante nel momento in cui si parla di alimentazione che il pane diventi un prodotto non demonizzato, ma assuma il ruolo di alimento che può fare bene e che deve far bene se fatto con giusti ingredienti, lavorati nella giusta maniera e con la giusta ricetta”.

Territorialità, genuinità e tradizione per portare alla realizzazione, presso il nuovo Ospedale Michele e Pietro Ferrero a Verduno, di una ristorazione di eccellenza, sostenibile e legata all’economia territoriale, fruibile dai pazienti, dai dipendenti e da altri utenti e di iniziative per promuovere la cultura alimentare come strumento di educazione e prevenzione.

Una ristorazione ospedaliera riflesso dell’eccellenza gastronomica del nostro territorio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button