More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Festa ad Alba per i 20 anni di Ampelos

    spot_img

    ALBA – Ampelos compie 20 anni. L’associazione è nata nel territorio albese, ma oggi attiva a livello nazionale, con collaborazioni che spaziano dall’Africa al Centro America. Per darvi un piccolo assaggio, oggi Ampelos è attiva in Eritrea, Etiopia, Sud Sudan, Malawi, Burundi, Tanzania, Benin, Haiti, Bosnia. L’obiettivo? «Con la ferma intenzione di non rassegnarci ad un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti, mancano di lavoro – spiega il portavoce dei volontari -, ci mettiamo la nostra energia per rendere la Terra più abitabile per tutti, e colmare, in piccolissima parte, questo grande divario sociale ed economico che caratterizza i nostri tempi».

     

    Quali sono i progetti che Ampelos propone? Si va dall’agroalimentare all’idrico, dall’edile allo scolastico. Ciò che viene realizzato nel “Terzo Mondo” è il frutto dell’attività svolta dalle nostre parti: «Non è mai mancata la nostra presenza sul territorio, con la divulgazione nelle scuole, dalle elementari alle superiori, così come nei centri di incontro per anziani. E per raccogliere fondi spesso abbiamo organizzato spettacoli musicali, teatrali, cene. Momenti belli di aggregazione sociale, per costruire relazioni interpersonali, vivere insieme nuove esperienze, allargando confini e consapevolezze, informando e sensibilizzando sulle problematiche delle popolazioni di aree disagiate del mondo».

    A chi pensa ad Ampelos, non può che saltare in mente una delle iniziative che ha ottenuto grandissimo successo: la raccolta differenziata dei tappi in polietilene. «A oggi abbiamo raggiunto questi risultati: 116 milioni di tappi, pari a 290 tonnellate, che ci hanno portato fondi per 60mila euro, che sono stati trasformati in cinque pozzi e un impianto fotovoltaico per un ambulatorio medico, in Paesi diversi. Grazie alla preziosa collaborazione dei cittadini e delle amministrazioni di Alba, Bra, Cherasco, Corneliano, Sommariva Bosco, Vezza, del centro commerciale Big Store del Mussotto e della azienda di smaltimento e raccolta ecologica Benassi Relife di Guarene, per citare i principali attori».

    Cosa succederà in questo 2024? Per festeggiare il ventennale il 20 aprile ci sarà un convegno presso l’Auditorium Ferrero: “Ampelos quale futuro in Africa”. Inoltre dal 19 al 28 aprile sarà visitabile presso la sede dell’Associazione Alec in via Vittorio Emanuele 30, la mostra “Ethiopia”, del fotografo Marco Albizzati. A settembre, infine, ci sarà uno spettacolo teatrale nell’arena estiva del teatro albese con l’attore Paolo Tibaldi e alcuni studenti delle scuole superiori. Il bilancio di questi 20 anni sarà svelato nel corso della cena solidale che si svolgerà nel mese di novembre.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio