Dal CuneeseAttualità

Ferrovie: La stazione di Mondovì si rifà il look

Nuova veste per la stazione ferroviaria di Mondovì. Con un investimento di circa 5 milioni di euro, Rete Ferroviaria Italiana ha concluso i lavori di restyling dell’intera stazione, progettati ed eseguiti di concerto con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio.

 I nuovi interventi sono stati presentati oggi da Erika Chiecchio, Assessore all’Ambiente, alla Mobilità e Trasporti, al Verde Pubblico, alla Programmazione Europea e ai Fondi strutturali del Comune di Mondovì e Gaetano Pitisci, responsabile RFI dell’Unità Territoriale Centro Sud della Direzione Operativa Infrastrutture Territoriale di Torino.

 I lavori hanno interessato sia l’interno sia l’esterno della stazione, dove sono già operativi i sistemi di videosorveglianza di ultima generazione collegati con la Sala Operativa Compartimentale di Torino della Protezione Aziendale di RFI, che consentono il monitoraggio di tutti gli ambienti di stazione aperti al pubblico e di quelli sensibili.

 

Un ambiente rinnovato e una cartellonistica intuitiva accolgono i viaggiatori nell’atrio del fabbricato e nella sala d’attesa, dove è stato valorizzato il loro particolare pregio stilistico; nuovi anche i servizi igienici e gli spazi di ristoro.

 L’accesso ai treni è reso più agevole dai marciapiedi innalzati a 55 cm – secondo gli standard europei per il servizio ferroviario metropolitano – e da percorsi e mappe tattili per gli ipovedenti.

 Attivati tre ascensori di ultima generazione con un avanzato sistema di videosorveglianza, di gestione e telecontrollo che consente di elaborare in tempo reale eventuali malfunzionamenti permettendo agli operatori dedicati al controllo degli impianti di intervenire anche da remoto.

 RFI ha, inoltre, ristrutturato il sottopassaggio viaggiatori con un prolungamento che garantisce il collegamento fino al parcheggio di via Fossano, ha realizzato una nuova pensilina metallica in corrispondenza dell’ascensore (lato parcheggio) e ha effettuato il restyling di due pensiline metalliche esistenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button