Fera d’Dian: torna l’appuntamento d’autunno con la mostra mercato dei piccoli e grandi animali

233
In programma il raduno d’auto d’epoca, il mercato dei prodotti tipici, i giochi in piazza e la polentata

La suggestiva atmosfera autunnale. La cornice delle colline avvolte dai colori di una stagione magica. Un borgo antico incastonato tra boschi e colline. E una festa dalle tradizioni antiche, con tanti appuntamenti legati all’artigianato, alla gastronomia, al vino e ai sapori della terra. Sono gli ingredienti della Fera d’Dian, in programma domenica 11 novembre a Diano, uno degli appuntamenti più attesi dell’autunno langarolo.

«Da sempre legata al territorio – spiega il presidente della Pro loco dianese, Giulio Abrigo – la Fiera di Diano era nata come una mostra-mercato di grandi e piccoli animali e prodotti tipici del territorio. “Cun ‘na crava, na fè e ‘n can as fà la Fera d’Dian” recita un detto locale in riferimento a questa attesa manifestazione. Con il tempo, il mercato novembrino si è arricchito di eventi e appuntamenti, incrementando il numero di artigiani e bancarelle, fino a diventare un vero e proprio mercato natalizio, con le feste ormai alle porte. Alla Fera d’Dian potete trovare cio che cercate per un regalo, una curiosità, un oggetto utile per la casa e, perchè no, anche semplice aria salubre con una passeggiata sul belvedere, dove si può ammirare il meraviglioso paesaggio di Langa».

Il programma della giornata prevede, alle 8 apertura della manifestazione con espositori e bancarelle di prodotti tipici, hobbistica e solidarietà lungo le vie del centro. Da non perdere, una visita all’area dedicata alla meccanizzazione agricola, con il raduno delle auto d’epoca. La piazza principale ospiterà invece l’esposizione di grandi e piccoli animali, che rappresentano un’imperdibile attrazione soprattutto per i più piccoli; alle 10,30, alla presenza della banda musicale, avrà luogo anche l’attesa benedizione degli animali. Per soddisfare i piaceri della gola, gli appuntamenti sono alle 12,30, con il pranzo-fiera a base di costine e ceci, e alle 16,30, con la distribuzione di polenta e salsiccia offerta dal gruppo di Protezione civile. Alle 15, nei locali del doposcuola “truccabimbi”, con laboratori e merenda per tutti. Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16,30, in Biblioteca, esposizione di opere di artisti locali.

Da segnalare infine, dalle 11 e per tutta la giornata, i giochi in piazza per adulti e bambini. Come conclude il responsabile della Pro loco: «Ci teniamo a proporre tanti eventi con il solo scopo di lasciare alla gente che passa un bel ricordo del nostro paese, di riunire le persone e ricreare quelle comunità che erano i paesi di Langa durante le loro feste patronali nei tempi passati. Feste che purtroppo si stanno perdendo e che erano forse il fulcro più vivo del nostro territorio».