Dal CuneeseAttualità

Faceva propaganda per l’Isis a Fossano: condannato

Ilyass Hadouz, 20enne immigrato dal Marocco, è stato condannato a 1 anno e 8 mesi. Così si è concluso il processo celebrato a Torino. Il giovane nordafricano era accusato di istigazione a delinquere per aver fatto propaganda per l’Isis, l’organizzazione dell’autoproclamato stato islamico.

Secondo gli investigatori, il ragazzo, attraverso numerosi account dei soliti perniciosi social network, avrebbe portato avanti una “intensa propaganda jihadista”. Hadouz avrebbe inneggiato al martirio, alla ricompensa concessa nell’aldilà ai musulmani impegnati nel jihad (la cosiddetta guerra santa contro gli infedeli) e avrebbe esaltato il valore e il coraggio dei “combattenti in nome di Allah”, di cui sarebbe stato pronto a emulare le gesta.
Hadouz si sarebbe radicalizzato in casa, frequentando chat integraliste. Arrestato nel 2018 dai carabinieri del Ros e del comando di Fossano, ad aprile è stato scarcerato ed espulso dall’Italia.

Il giudice, oggi in Tribunale, ha assolto il 20enne, difeso dall’avvocato Wilmer Perga, dall’accusa di partecipazione ad associazione con finalità terroristica, come richiesto dal pubblico ministero Manuela Pedrotta, seguendo le linee della Corte di Cassazione in materia di terrorismo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com