More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Ex scalo merci a Bra: niente bonifica estesa basta messa in sicurezza

    spot_imgspot_img

    BRA

    – Non servirà una bonifica, basterà una messa in sicurezza. Lo dice al “Corriere” l’assessore uscente all’Ambiente, Daniele Demaria, dopo che il Comune di Bra ha approvato la relazione finale del piano di caratterizzazione: l’insieme del­­le attività utili a ricostruire l’inqui­na­men­to e orientarne i rimedi per l’ex scalo dei treni merci da tempo in disuso in città. A fine 2023 in Consiglio comunale fu stimato come «prudenziale» un costo di 350mila euro. Forse ne basteranno di meno perché Demaria spiega che non sarà «necessaria asportazione di materiale se non in modo puntuale dove c’erano dei serbatoi» di idrocarburi.

    L’assessore ribadisce quanto questo giornale riferì a dicembre: alla rimozione degli stessi serbatoi e dei binari afferenti provvederà Rfi, idem a demolire un edificio e inoltre collaborerà a realizzare la nuova recinzione. L’ex scalo merci in via Trento e Trieste nei piani del Municipio dovrebbe ospitare un parcheggio con area verde. Si potrà fare «con alcune accortezze progettuali», precisa Demaria. Scongiurata la necessità d’interventi estesi sul suolo, potrebbe trovare conferma il prezzo di cessione già pattuito con le Fs: 760mi­la euro, oltre il doppio della valutazione ai fini Imu.

    Redazione Corriere
    Redazione Corrierehttps://www.ilcorriere.net
    Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173-28.40.77 oppure scrivendo a: info@ilcorriere.net

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio