More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Esami di Maturità, ecco le novità del 2023

    spot_imgspot_img

    Ancora novità per gli esami di maturità, che lentamente ritornano alla configurazione pre pandemia. Dopo tre anni ritornano i commissari esterni e questo fatto sicuramente ha creato qualche preoccupazione in più tra i ragazzi, che si troveranno di fronte a professori che in taluni casi non avranno molta dimestichezza con le materie per cui sono stati nominati, visto che proverranno da altre scuole e da altri indirizzi di studi. Ma andiamo a scoprire come funzionerà l’Esame di Stato. Si partirà mercoledì 21 giugno alle 8.30 con la tradizionale prova di Italiano, mentre il giorno successivo si affronterà il secondo scritto, specifico per ogni indirizzo di studio.

    Ad inizio della settimana successiva (e comunque al termine della correzione degli scritti) si passerà al colloquio finale, durante il quale gli studenti e­spongono anche le esperienze svolte nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e le competenze acquisite nel campo dell’educazione civica. Cambierà anche l’assegnazione del punteggio, con l’esame che assegnerà nuovamente punteggi “pesanti” e preponderanti rispetto ai crediti scolastici accumulati nell’ultimo triennio. Il punteggio massimo raggiungibile sarà di 100 punti, 40 dei quali saranno nel “borsellino” che gli studenti hanno riempito nel corso degli ultimi tre anni di scuola, mentre le tre prove di esame potranno assegnare fino ad un massimo di 20 punti ciascuna. Il voto quindi sarà definito dalla somma dei vari punteggi ottenuti, cui si potranno aggiungere fino a 5 punti di bonus ed eventualmente la lode. Il bonus (da 1 a 5 punti) potrà essere assegnato dalla commissione al termine del colloquio orale ad alcuni studenti per alzarne il punteggio finale. Le condizioni sono due: essere stati ammessi all’esame di Stato con almeno 30 crediti ed aver totalizzato almeno 50 punti alle prove della Maturità. La lode, invece, potrà essere assegnata a chi arriverà all’esame con 40 punti di credito e otterrà 60 punti (senza usufruire del bonus) al termine delle tre prove. Per riuscire ad ottenere la lode c’è quindi bisogno di una media del 9 durante il triennio e del massimo punteggio in tutte le prove dell’esame di Maturità.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio