More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Emergenza terremoto in Turchia e Siria: primi aiuti da CEI e Caritas

    spot_imgspot_img

    La Conferenza Episcopale Italiana ha deciso lo stanziamento di 500mila euro dai fondi otto per mille, che i cittadini destinano alla Chiesa cattolica, come prima forma di aiuto alle vittime del violento terremoto che nelle prime ore di lunedì 6 febbraio 2023 ha devastato la Turchia e la Siria.

    Centinaia le vittime, migliaia le persone ancora intrappolate sotto le macerie, numerosi gli edifici colpiti. Un bilancio ancora provvisorio che, secondo le Caritas locali, crescerà drammaticamente: in Turchia la zona interessata è molto vasta e difficile da raggiungere, anche per le rigide condizioni climatiche. «La Cattedrale di Iskenderun è crollata, scuole ed episcopio non sono agibili, anche la chiesa della comunità siriaca e quella ortodossa sono andate totalmente distrutte. La situazione è in continuo divenire», fa sapere il Vescovo Paolo Bizzeti, Vicario apostolico dell’Anatolia e Presidente della Caritas in Turchia.

    In Siria il sisma ferisce un Paese già dilaniato dalla guerra e dove oltre l’80 percento della popolazione vive in povertà.

    «A nome della Chiesa che è in Italia esprimo profondo cordoglio e vicinanza alla popolazione provata da questo tragico evento, assicurando preghiere per le vittime, i loro familiari e i feriti. Mentre ci stringiamo a quanti sono stati colpiti da questa calamità, auspichiamo che la macchina della solidarietà internazionale si metta subito in moto per garantire una rapida ricostruzione», afferma il Card. Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della CEI.

    Lo stanziamento della Conferenza Episcopale Italiana aiuterà a far fronte alle prime necessità. Caritas Italiana, impegnata da anni nei due Paesi, è in costante contatto con le Caritas locali e la rete internazionale per offrire aiuto e sostegno. Il direttore, don Marco Pagniello, fa appello a «un’attenzione solidale da parte di tutti verso aree del mondo già segnate da conflitti dimenticati e da povertà estrema».

    (Fonte: Agenzia SIR)

    Eventuali offerte possono essere inoltrate o direttamente a Caritas Italiana (http://www.carItas.it) oppure a Caritas diocesana Torino (http://www.caritas.torino.it) usando le seguenti coordinate bancarie:

    IT 06 D 06085 30370 000000025420 (Banca di Asti – filiale Chivasso)
    intestato ad ARCIDIOCESI DI TORINO – CARITAS
    causale: Terremoto Turchia Siria febbraio 2023

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio