Dal CuneeseAttualità

Emergenza cinghiali: Ricorso al Prefetto da parte di Federazione Nazionale Pro Natura

una ordinanza inopportuna del Sindaco per affrontare i problemi causati dai cinghiali.
Ricorso al Prefetto della Federazione Nazionale Pro Natura


Con Ordinanza n. 2/2022 del 21 febbraio 2022, contingibile e urgente, il Sindaco di Sommariva Perno (CN)
aveva approvato l’abbattimento di cinghiali selvatici nel territorio comunale, quale misura a tutela della
pubblica incolumità, e incaricato i locali cacciatori della sua applicazione con interventi settimanali.

La Federazione Nazionale Pro Natura, pur riconoscendo la gravità della situazione legata all’eccessiva
proliferazione dei cinghiali e sulla necessità di interventi per arginare il fenomeno, ha presentato ricorso
gerarchico al Prefetto di Cuneo contro questa Ordinanza, ravvisando plurime violazioni di legge ed eccesso
di potere.

Per quanto riguarda il controllo delle specie selvatiche il Sindaco non ha competenze e il suo intervento può
essere motivato solo dalla presenza di gravi pericoli, che, nel caso in esame, non sono stati assolutamente
dimostrati

La mancanza di qualsiasi istruttoria ha portato l’Amministrazione di Sommariva Perno a motivare la
decisione con affermazioni prive di valore scientifico e sulla base di ipotetici rischi e danni, ma senza
supportare tali assunti con presupposti anche solo minimamente provati.

Stante la mancanza di specifiche conoscenze in merito all’espansione delle infezioni nei confronti degli altri
animali e dell’uomo, singolare è la motivazione addotta nel provvedimento, secondo cui i cinghiali
potrebbero veicolare malattie virali, batteriche e parassitarie pericolose.

L’utilizzo previsto di braccate con cani operate dalle squadre dei cinghialai confligge con i provvedimenti
regionali di contrasto alla diffusione della PSA (Peste Suina Africana), che escludono tassativamente queste
modalità di intervento, le quali, oltre ad essere inutili per contrastare la diffusione della malattia,
contribuiscono a disperdere gli animali e di conseguenza estendere ad altre aree la presenza del contagio.

La cessione degli animali abbattuti ai cacciatori quale rimborso per le attività svolte contrasta con le regole
che sovrintendono l’alienazione del patrimonio dello stato, quale è la fauna selvatica, e incentivano il
mercato clandestino della carne di cinghiale, alimentando quei rischi sanitari che la stessa ordinanza dice
invece di voler prevenire.

Interventi così impattanti sull’ambiente naturale, oltretutto in periodo di nidificazione degli uccelli e, più in
generale, di riproduzione di quasi tutte le specie selvatiche, possono determinare gravissime conseguenze
sulla biodiversità degli ambienti coinvolti dagli interventi e sono causa anche di pericolo per le attività
umane che in stagione primaverile si intensificano.

Ci aspettiamo ora una immediata cessazione di questi illegittimi interventi e il ripristino della legalità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button